Bollettino: Borse contrastate (per Cina e Fed), più fiducia ai Paesi periferici

29 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (ADVISE ONLY) – Nell’ultima settimana i mercati azionari si sono mossi in modo piuttosto contrastato, mentre per quanto concerne le obbligazioni ha prevalso un atteggiamento di fiducia che ha privilegiato i Paesi periferici della zona euro e il comparto High Yield. Dopo un inizio convincente, i mercati sono stati influenzati dai dati deludenti di alcuni colossi industriali americani (Caterpillar, Wellpoint, Amazon).

Restano le preoccupazione legate alle questioni del rallentamento delle crescita in Cina ed al rientro della politica monetaria espansiva delle FED. Infine, il petrolio continua a crescere ed il cambio euro/dollaro è tornato verso 1,33.

  • Europa: i dati sul PMI e sulla fiducia dei consumatori sono stati piuttosto incoraggianti, ma è ancora presto per pensare d’essere vicini ad una ripresa solida, al contrario dii UK, dove il PIL del secondo trimestre ha accelerato da 0,3% a 0,6%.
  • USA: in pericolo la ripresa del mercato immobiliare, mentre i dati mostrano un consolidamento della ripresa nel settore manifatturiero.
  • Giappone: aumentano le esportazioni per il quarto mese consecutivo, mentre l’indice dei prezzi al consumo è aumentato al livello più alto del 2008.
  • BRIC: debole il settore manifatturiero cinese. Anche il livello di fiducia delle imprese si è ridotto. Aumentano quindi i timori sulla capacità del Governo di raggiungere il target di crescita prefissato. Infine, aumenta il tasso di disoccupazione in Brasile.

Mercati

  • Borse del mondo: Italia +1,8% , Spagna +5,2%, Germania -1,0%, Francia +1,1%, UK -1,1%, USA -0,6%, Cina +0,9% e Giappone -3,7%.
  • Obbligazioni governative e corporate: sono cresciuti i rendimenti lungo tutta la curva dei tassi d’interesse in USA, Francia e Germania, mentre sono diminuiti quelli di Spagna, Portogallo e Grecia. Lo spread Bund-BTP ha chiuso intorno a quota 275 punti.
  • Commodities e valute: l’oro continua a crescere (+1,9%) ed il dollaro si è deprezzato contro tutte le maggiori valute.

Da tenere d’occhio questa settimana

Ecco i principali dati macroeconomici che verranno pubblicati nel corso della settimana (scarica il Bollettino per sapere il giorno e l’ora):

  • Europa – il PIL Spagnolo (2T) ed il PMI di luglio di Italia, Spagna e UK.
  • USA – Indice di fiducia dei consumatori, variazione dell’occupazione (ADP), stima preliminare del PIL annualizzato (T/T).
  • Giappone – Tasso di disoccupazione e produzione industriale (m/m).
  • BRIC – PMI manifatturiero cinese, PMI manifatturiero e produzione industriale del Brasile.

NB: Il Bollettino va in vacanza e torna a settembre!

CLICCA PER APRIRE IL BOLLETTINO ADVISE ONLY