BMW e Audi: macchine che si guidano da sole, una realtà sempre più vicina

8 Gennaio 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Siamo ancora lontani dal vedere veicoli in grado di guidare da soli, però l’industria automobilistica sta facendo comunque notevoli passi in avanti. Ecco infatti che sono comparsi i primi veicoli in grado di offrire una tecnologia che riesce a far controllare uno degli aspetti più noiosi della guida, il parcheggio.

Al Consumer Electronics Show, a Las Vegas, la BMW ha presentato la sua macchina elettrica i3, la cui caratteristica principale è quella, grazie al semplice tocco di un pulsante, di parcheggiarsi automaticamente, senza richiedere ulteriori fatiche o manovre.

L’idea era già venuta ad altri e presa in considerazione da Ford e Toyota Motor, ma i sistemi di questi ultimi due colossi avevano presentato non poche pecche.

La nuova tecnologia della BMW invece consente il cambio di marcia e di accelerare e frenare a bassa velocità; è possibile percepire anche se qualcuno sta passando nel percorso della vettura. Tutto quello che bisognerà fare è, solamente, tenere premuto un pulsante.

Nel progetto attivo anche il colosso dell’auto tedesco Audi, che attraverso la A6 sedan, si avvale di una serie di radar, laser e sensori ad ultrasuoni: “in modo da percepire gli oggetti vicini”, ha dichiarato Björn Giesler, ingegnere Audi, che ha concluso poi dicendo che i modelli potrebbero essere in vendita, per le macchine reali, entro 4 o 5 anni. Anche Audi è

Potrebbe quindi aprirsi una nuova era per la tecnologia della guida, anche se, per quanto riguarda i costi, siamo su cifre intorno ai 250 mila dollari.