Black Friday, 4 italiani su 5 faranno acquisti. Ma cala lo scontrino medio

23 Novembre 2022, di Mariangela Tessa

Oltre quattro consumatori italiani su cinque (84%) sono interessati a fare acquisti durante il Black Friday e il Cyber Monday. Lo conferma lo studio PwC Black Friday/Cyber Monday Italy 2022, condotto fra il 26 ottobre e 1° novembre 2022 su un campione di 2.025 adulti italiani di età superiore ai 18 anni rappresentativi a livello nazionale. Il 47% farà acquisti se ritiene che ci sia un’offerta sufficientemente conveniente, mentre solo il 7% dichiara di non essere interessato ad acquistare. Tra gli italiani interessati a fare shopping, quattro su cinque (82%) compreranno oggetti per sé stessi, mentre il 65% acquisterà prodotti per la propria famiglia. Erika Andreetta, EMEA Fashion & Luxury Leader e Partner PwC Italia, spiega:

“Dai nostri dati emerge che i più acquistati durante il Black Friday e il Cyber Monday saranno i prodotti elettronici e tecnologici, oltre a quelli del comparto fashion, inclusi capi di abbigliamento per adulti, scarpe e accessori, preferiti da due italiani su cinque (41%). Seguono nelle preferenze gli articoli per la casa (21 %), i prodotti di salute e bellezza (20 %) e i libri (19 %)”.

Nel 2022, gli italiani hanno riscontrato un aumento dei prezzi in tutte le categorie di spesa rispetto all’anno precedente: il segmento con l’aumento più marcato sono i prodotti alimentari e le bevande (96%), seguito da viaggi e tempo libero (83%), salute e bellezza (83%) e abbigliamento, scarpe e accessori (83%).

Per otto italiani su dieci, l’inflazione e l’aumento dei prezzi di energia e alimentari modificheranno i comportamenti d’acquisto. Più di un terzo del campione intervistato dichiara che comprerà solo ciò di cui ha realmente bisogno (35%), il 18% acquisterà prodotti più economici (18%), mentre il 13% farà shopping in negozi con prezzi più convenienti e competitivi (13%). Solo un consumatore su cinque dichiara che acquisterà meno di quanto avrebbe fatto negli anni passati (17%).

Alla luce degli eventi attuali, il 35% degli italiani è consapevole che le offerte del Black Friday e Cyber Monday saranno meno convenienti a causa dell’aumento dei costi per le aziende. Un italiano su quattro prevede inoltre che alcuni prodotti non saranno disponibili a causa dell’aumento dei costi di approvvigionamento e di possibili interruzioni e ritardi lungo la supply chain.

Lo scontrino medio del Black Friday

La ricerca PwC evidenzia che lo scontrino medio degli italiani per gli acquisti durante Black Friday e Cyber Monday ammonterà a 222 euro, in flessione rispetto all’importo medio speso per persona nel 2021, pari a 241 euro. Gli uomini prevedono di spendere più delle donne, con uno scontrino medio pari a 253 euro contro quello femminile pari a 191 euro.

e-commerce e home delivery in vetta nelle modalità d’acquisto

La visita alle piattaforme e-commerce e ai siti di colossi degli acquisti online come Amazon si conferma il metodo di ricerca principale per le vendite, preferito da oltre la metà dei consumatori intervistati (53%). Il 34% del campione ha dichiarato di volersi rivolgere ad aggregatori digitali di offerte, mentre il 23% di voler acquistare visitando i siti web di marchi specifici. Altre forme di ricerca comuni sono la consultazione di e-mail e newsletter di brand e rivenditori (24%) e di pubblicità su giornali e riviste (12%).

A motivare la preferenza dello shopping digitale per oltre la metà del campione intervistato è la possibilità di ricevere gli articoli a casa con i servizi di consegna a domicilio. Dai dati PwC emerge che un terzo del budget d’acquisto sarà speso presso negozi fisici, l’8% sarà speso online con modalità click and collect, mentre il 4% utilizzando dispositivi di riconoscimento vocale.

Carta di credito resta il metodo di pagamento più diffuso

È preferita dal 47% degli italiani. Seguono PayPal (34%), l’uso di contanti (10%) e di servizi di pagamento mobile, come Apply Pay (3%). Solo il 2% prevede di utilizzare i fornitori di servizi di BNPL (“Compra ora, paga dopo”). Gli acquisti di Black Friday e Cyber Monday soddisfano il 64% dei consumatori.

Dalla ricerca di PwC, il 64% del campione intervistato dichiara di non aver mai restituito un articolo comprato durante il Black Friday e il Cyber Monday, mentre il 21% ha affermato di aver effettuato resi, ma non più di quanto avrebbe fatto in esperienze di shopping non legate al Black Friday. Solo l’8% ha dichiarato di aver restituito più articoli del solito, rispetto agli acquisti svolti in altri periodi dell’anno.

A pesare negativamente sulle esperienze di acquisto del Black Friday/Cyber Monday, la percezione di non aver ottenuto un’offerta particolarmente vantaggiosa, seguita da problematiche legate alla mancanza di scorte e alla difficoltà di trovare gli articoli desiderati.

Sostenibilità influenzerà gli acquisti del Black Friday

Secondo i dati di PwC, nove italiani su dieci (90%) affermano che la sostenibilità influenzerà il loro comportamento negli acquisti durante il Black Friday e il Cyber Monday. I consumatori cercheranno di avere comportamenti più sostenibili cercando di comprare solo i prodotti di cui hanno bisogno, cercando di evitare gli acquisti d’impulso, cercando offerte su marchi sostenibili e prestando attenzione alla qualità oltre che al prezzo.