Bitcoin, gli effetti della scissione si fanno già sentire

2 Agosto 2017, di Livia Liberatore

Prezzo di Bitcoin in leggero calo dopo che ieri la criptovaluta si è spaccata in due con la nascita di Bitcoin Cash, con una sua quotazione e una sua blockchain. I futures per il nuovo Bitcoin cash sono saliti nella giornata di martedì del 48% a 422 dollari per poi cedere il 26% ed essere scambiati vicini a 214 dollari.

Secondo alcuni, il valore di Bicoin Cash resterà con probabilità una frazione di quello di Bitcoin, che si prevede raggiunga i 6000 dollari prima della fine dell’anno. Le sue prospettive sono incerte e il prossimo periodo sarà probabilmente caratterizzato da volatilità. Una situazione simile era accaduta lo scorso anno alla criptovaluta rivale Ethereum, dalla cui scissione è nato l’Ether di adesso.

“Bitcoin Cash dovrà mettersi alla prova nel tempo e guadagnarsi la fiducia degli investitori“, ha detto Amaury Sechet, sviluppatore del Bitcoin Cash, “il prezzo attuale può sembrare basso ma in realtà è indice di un grande sostegno”. La nuova moneta è stata creata da alcuni sviluppatori da tempo in contrasto con gli altri, che alla fine hanno optato per la scissione. Il processo di aggiornamento del software dovrebbe terminare a novembre.

Intanto, le autorità di regolamentazione statunitensi e britanniche sono preoccupate per l’emergere di Bitcoin e dei suoi cugini come investimenti speculativi. Ciò che preoccupa le autorità è che queste monete si stanno comportando più come un investimento che come un mezzo di pagamento. Un fattore di rischio è anche l’utilizzo delle criptovalute per scopi illeciti.