Bitcoin, chi è il primo proprietario a livello mondiale?

19 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha sequestrato bitcoin per un valore di circa 1 miliardo di dollari da un uomo che ha “ottenuto illegalmente” più di 50 mila bitcoin dal mercato del dark web di Silk Road nel 2012.

James Zhong si è dichiarato colpevole in tribunale il 4 novembre per aver commesso una frode telematica e sarà condannato a febbraio. Il luogo in cui si trovavano i 5 mila bitcoin rubati è rimasto sconosciuto per più di 10 anni. Zhong aveva eseguito uno schema dettagliato progettato per rubare bitcoin dal mercato di Silk Road, uno dei primi mercati darknet moderni. Silk Road operava come un servizio nascosto di Tor, uno strumento per la privacy che consente la navigazione anonima in Internet.

Tyler Hatcher, un investigatore dell’Internal Revenue Service (IRS), ha affermato che in seguito alla rapina, Zhong “ha tentato di nascondere il suo bottino attraverso una serie di transazioni complesse”.

Ma ciò non ha impedito alle forze dell’ordine di seguire le tracce dei bitcoin. Dopo aver ottenuto un mandato di perquisizione per la residenza di Zhong nel novembre 2021, le autorità hanno individuato i bitcoin perduti in una cassaforte al piano interrato, nonché su un computer a scheda singola nell’armadio del bagno. Il computer era sotto le coperte in una scatola di popcorn riposta nell’armadio del bagno. I bitcoin valevano circa 3,4 miliardi di dollari al momento del sequestro. I funzionari hanno anche trovato quasi 662 mila dollari in contanti.

“Questo caso dimostra che non smetteremo di seguire i soldi, non importa quanto abilmente nascosti, anche su un circuito stampato sul fondo di una scatola di popcorn”, ha detto Williams in una nota.

I furti precedenti di bitcoin

Lo scorso febbraio, una coppia di New York è stata incriminata per aver rubato circa 120 mila bitcoin, molti dei quali sono stati recuperati dalle forze dell’ordine. Un altro sequestro relativo alla Via della Seta nel novembre 2020 ha fruttato al governo 70 mila bitcoin. L’ultimo bottino pone il governo degli Stati Uniti significativamente in vantaggio rispetto ai maggiori detentori aziendali della criptovalute più famosa al mondo, più di Microstrategy o Block.one.