BIPOP CARIRE: BANCAROMA RILEVA 10,22% DA GARFIN

14 Maggio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Le quote di Bipop Carire detenute dalla finanziaria Garfin di Mauro Ardesi, pari al 10,22% della banca bresciana, saranno rilevate da Banca di Roma al prezzo di €3,52 per azione.

E’ questo il risultato di una complessa mediazione tra l’istituto di credito romano, Ardesi e Banca Popolare Milano, il principale creditore di Garfin con un’esposizione di circa €509 milioni.

In base all’accordo, “Popolare Milano sottoscriverà due prestiti obbligazionari exchangeable di Banca di Roma inizialmente in circa 465 milioni di azioni Bipop Carire e un contratto swap di 5 anni per il quale, a fronte dell’incasso di dividendi generati da 144,8 milioni di azioni Bipop (pari al 7,4% del capitale), si impegna a corrispondere un importo variabile pari all’euribor maggiorato di 400 punti base su un ammontare nozionale di 545,7 milioni”.

Questa operazione consente a Popolare Milano il recupero integrale dei crediti vantati dalla banca milanese nei confronti di Garfin.

Ma i guai per Bipop non sono ancora finiti: secondo alcune indiscrezioni che rimbalzano dalle sale operative, la procura di Brescia sarebbe ancora impegnata nelle indagini sui conti a rendimento garantito di Bipop e avrebbe scelto un curatore con il compito di indagare sull’ipotesi di “infedeltà patrimoniale”.

A Piazza Affari il titolo è in leggero rialzo.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours, clicca in MERCATI nella sezione PIAZZA AFFARI.