BIOTECH: UTILI AMGEN BATTONO ATTESE MERCATO

27 Aprile 2001, di Redazione Wall Street Italia

Amgen (AMGN – Nasdaq), l`impresa californiana e indiscussa regina della biotecnologia mondiale, giovedì sera a mercati USA chiusi ha riportato i risultati del primo trimestre 2001 battendo le attese del mercato.

Amgen ha riportato un utile netto di $305 milioni, in aumento del 15% rispetto al primo trimestre del 2000, e un utile per azione di $0,28, un centesimo in più delle attese degli analisti.

I risultati di Amgen hanno un forte impatto su tutto il settore, visto che la società ha capitalizzazione di Borsa di circa $60 miliardi, il 20% del valore di mercato di tutte le imprese biotecnologiche americane messe assieme, e quindi un peso enorme sull`andamento degli indici Amex Biotech Index e Nasdaq Biotech Index.

Amgen però ha abbassato le sue stime di crescita per l’intero 2001 a causa del ritardo nell’approvazione del suo farmaco Aranesp, una versione migliorata di Epogen, il farmaco più famoso di Amgen, che si basa sull`eritropoietina, un ormone naturale che stimola il midollo osseo a produrre più globuli rossi.

Amgen si aspettava che la Food and Drug Administration avrebbe approvato Arasnep entro aprile, ma adesso pensa che la FDA impiegherà qualche mese in più e che l’approvazione arriverà nel secondo trimestre del 2001.

Aranesp avrebbe dimostrato di far aumentare il numero di globuli rossi nel sangue molto più velocemente di Epogen e avrebbe il vantaggio di poter essere somministrato solo una volta a settimana, un sollievo per i pazienti. Inoltre Epogen può essere distribuito negli USA soltanto sul mercato della dialisi, mentre Aranesp potrà essere commercializzato nei mercati di dialisi, pre-dialisi e cancro sia negli Stati Uniti che in Europa. Da sottolineare il fatto che Epogen viene venduto in Europa da Johnson & Johnson.

Se Aranesp sarà ammesso in commercio, Amgen non solo farebbe concorrenza all`impresa farmaceutica, ma potrebbe anche aggiudicarsi gran parte della sua importante quota di mercato nel vecchio continente. Grazie ad Aranesp, Amgen potrebbe quindi raggiungere una specie di monopolio mondiale nel campo degli antianemici. La stessa Amgen stima il potenziale del giro d`affari a circa $10 miliardi nel 2006.

Oltre al ritardo nell’approvazione di Aranesp, gli analisti sono preoccupati dal rallentamento della crescita delle vendite di Epogen, che sono scese dal 15% a sotto il 10% nel primo trimestre.

(Per un quadro completo su Amgen vedi Biotech: oggi i risultati 1° TRIM di Amgen).