Biglietti aerei: costano anche il triplo se comprati online

14 Luglio 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – Comprare i biglietti aerei online? Lo fa un italiano su tre, secondo gli ultimi dati Istat. Carta di credito alla mano e il gioco e’ fatto. Attenzione, pero’. I rischi sono dietro l’angolo.

Ad accendere i fari sulle controindicazioni relative a questa pratica sempre piu’ diffusa e’ un articolo del Fatto Quotidiano, che punta il dito soprattutto su costi di gestione applicati sia dalle compagnie aeree che dalle agenzie di viaggio online come eDreams, Expedia, per citare le più famose, se si acquista un biglietto aereo con la carta di credito.

Si tratta in pratica di una di quelle situazioni, in cui non e’ difficile trovarsi, in cui completate tutte le schermate dei dati, quando arriva il momento di pagare, inserendo le credenziali della carta di credito, ci si trova davanti ad un prezzo che e’ triplicato rispetto all’offerta che inizialmente svettava nel sito.

“Purtroppo è una prassi che molti siti di e-commerce e agenzie di viaggi online continuano ad adottare nonostante le numerose sanzioni da parte dell’Antitrust” ha detto al Fatto Quotidiano, Anna Vizzari, esperta dell’ufficio studi di Altroconsumo, spiegando che il motivo dei rincari finali sono spesso legati al metodo di pagamento, ovvero all’utilizzo della propria carta e non quella sponsorizzata dall’operatore.

Si tratta – come ricorda il quotidiano – della pratica all’origine, nell’aprile del 2013, della sanzione da 400mila euro imposta dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato a Ryanair.

Una pratica questa seguita anche da alcune delle piattaforme più note per prenotare online. Proprio come riscontrato da Altroconsumo che lo scorso aprile ha sottoposto all’esame del Garante eDreams, Lastminute e Opodo, che fanno pagare fino al 70% in più il prezzo del biglietto rispetto a quello indicato inizialmente.

“L’unico modo per evitare questi sovrapprezzi è dotarsi delle carte co-branded delle piattaforme: su eDreams e Opodo non si pagano le commissioni se si utilizza la carta Agos eDreams e su Lastminute se si utilizza la carta Maestro Widiba, collegata al conto online della banca del gruppo Monte dei Paschi di Siena di cui Altroconsumo ha da poco sospeso il rating consigliando ai risparmiatori di chiudere i conti deposito. Hanno però la peggio, secondo l’indagine di Altroconsumo, i possessori di American Express, costretti a pagare sempre le commissioni più alte” aggiunge  l’articolo.

Fonte: Il Fatto Quotidiano