Biasi Spa giudica pienamente lecito acquisto immobile Bluterma

9 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – La Biasi Spa giudica pienamente lecito l’acquisto dell’immobile della ex Bluterma Spa, effettuato da Paolo Biasi, che allora ricopriva la carica di Presidente. La precisazione arriva dalla Biasi Spa dopo che la Procura di Teramo ha contestato a Paolo Biasi, presidente della Fondazione Cariverona, principale azionista italiano di Unicredit, il reato di bancarotta preferenziale. La Biasi Spa precisa, infatti, che l’acquisto dell’immobile è avvenuto nel 2008 mediante accollo del rilevante debito residuo verso le banche, che vantavano un credito garantito da ipoteca sull’immobile e mediante la compensazione di crediti che la Biasi Spa vantava nei confronti della società fallita. “A ciò si aggiunga che con la curatela fallimentare – sottolinea la nota – è stata raggiunta un’intesa totale e definitiva approvata dal Giudice Delegato. Si rileva inoltre che è stato richiamato, non a ragione, il contratto di cash-pooling, che è funzionale, fisiologico e legittimo all’interno di un gruppo, nel caso di specie peraltro comunque cessato al momento dell’acquisto dell’immobile da Bluterma Italia Srl, società da tempo non più controllata da Biasi Spa”.