BERLUSCONI:
‘AVEVO PENSATO
DI RITIRARMI’

1 Dicembre 2005, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – «Quando ho detto che potevo ritirarmi parlavo seriamente, poi ho visto che senza di me avremmo perso di molto, soltanto io posso far vincere la coalizione». In un incontro con i coordinatori regionali di Forza Italia tenutosi a Palazzo Grazioli, Silvio Berlusconi, riferiscono alcuni partecipanti, avrebbe caricato in questo modo le truppe e detto chiaramente che «il candidato premier» in pectore resta lui, nessun tentennamento, «io posso far vincere la coalizione».

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Certo, degli alleati, spiegano ancora i partecipanti all’incontro, parla bene e soprattutto di Fini «persona leale», ma nelle sue parole c’è la convinzione che è sempre Forza Italia a fare da traino alla coalizione. Il premier avrebbe espresso tutto il suo ottimismo per la vittoria finale e avrebbe chiaramente indicato di voler essere lui, insieme a Bondi e Cicchitto e di volta in volta con i coordinatore regionali, a stilare le candidature. «Dobbiamo lavorare sul territorio», avrebbe spiegato il premier.

Il Cavaliere avrebbe rimarcato di essere assolutamente ottimista per le elezioni in quanto il competitor Prodi «non rappresenta il nuovo, non è forte, non riesce ad esprimere un programma». Il premier avrebbe inoltre osservato che il centrosinistra è una coalizione divisa, «noi ora siamo invece compatti».

Berlusconi si è poi soffermato anche sulla giustizia e avrebbe puntato il dito soprattutto sulle «ultime indagini su Mediaset», quelle riguardanti i diritti cinematografici. «Le accuse sono vergognose, io non ho mai pagato tangenti» i giudici dovrebbero chiedermi scusa. «Sono continuamente soggetto ad attacchi da parte della magistratura», insiste. Il premier avrebbe anche ribadito di non aver mai fatto leggi ad personam, «ma leggi per i più deboli, per contrastare i soprusi». Berlusconi, infine, avrebbe rimarcato anche di non essere riuscito a compiere la «mission» della separazione delle carriere in quanto avrebbe trovato contrarietà all’interno della coalizione.

Copyright © Corriere della Sera per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved