Bco Popolare crolla su rumors mosse per rafforzamento patrimonio

29 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Pioggia di vendite sul Banco Popolare, che precipita Piazza Affari mostrando un calo di quasi tre punti percentuali a 4,51 euro. L’istituto di credito si trova oggi nell’occhio del ciclone dopo il calo di scure di Moody’s sull’outlook relativo al rating sui depositi, mossa che ha fatto tornare in auge una serie di rumors circa le possibili mosse che la banca attuerà per far fronte al rafforzamento del patrimonio. Secondo MF ci sarebbero due possibili opzioni: la cessione di “due gioielli custoditi nel perimetro del Banco”, ovvero il Credito Bergamasco e la Cassa di Risparmio di Lucca, Pisa e Livorno, oppure una ricapitalizzazione. Per quanto riguarda la prima strada, secondo il quotidiano già da varie settimane il management starebbe portando avanti colloqui informali con un primario gruppo bancario francese talmente interessato alle due realtà da essere disposto a mettere sul piatto ben tre miliardi di euro. Tuttavia, rileva MF citando la nota di Moody’s di ieri, la cessione di attività non-core risolverebbe i problemi patrimoniali ma diminuirebbe la capacità della banca di fare utili sostenibili, ed è cosa ormai nota che la bassa redditività è uno dei talloni di Achille del Banco. Per questo, spiega MF, l’istituto sarebbe orientato a procedere in tempo stretti ad una ricapitalizzazione di circa 2 miliardi di euro.