BCE: DUISEMBERG, “DI TUTTO PER AIUTARE GLI USA”

12 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

Il presidente della Banca Centrale Europea Wim Duisemberg ha detto che la Banca Centrae è pronta a sostenere i mercati alla luce delle conseguenze possibili dopo l’attacco terroristico contro gli USA.

I banchieri di Eurolandia del resto hanno già deciso di immettere liquidità (cosa che ha già fatto anche la Banca Centrale del Giappone) con un asta al 4,25%.

Duisembreg sta parlando in questo momento alla commissione economica e affari monetari del Parlamento europeo, a Bruxelles. Ha detto che Eurolandia non speculerà sugli interventi per aiutare il dollaro e ha annunciato la costituzione di una riserva di liquidità in grado di fronteggiare crisi come quella attuale.

Ha detto Duisemberg: “la BCE e le banche
centrali nazionali si sono attivate per sostenere il normale funzionamento dei mercati e dei sistemi operativi nel caso dovesse essere necessario”.

La BCE, ha aggiunto il presidente, “è in stretto contatto con le altre Banche Centrali”.

Domani, giovedì, si svolgerà la consueta riunione della BCE. Duisemberg ha comunque detto che sul medio termine il livello dei tassi di interesse di Eurolandia è adeguato. E che l’inflazione in Eurolandia tornerà al di sotto del 2% entro l’inizio del 2002.

Quanto alla crescita economica della zona euro, è attesa inferiore alle stime.