BB MEDTECH: IL TITOLO PER UN SETTORE TRASCURATO

12 Aprile 2001, di Redazione Wall Street Italia

Martedì ha presentato i dati di bilancio del primo tremestre di quest’anno BB Medtech, impresa “sorella” di BB Biotech, anch’essa amministrata dalla Bellevue Asset Management della svizzera Bank am Bellevue.

Mentre BB Biotech (da Ottobre quotata anche in Italia) è il più grande investitore a livello mondiale nel campo della biotecnologia, la BB Medtech focalizza i suoi investimenti sul mercato del medtech&healthcare, comparto che comprende le imprese specializzate in servizi medici ed informatici per il settore, e quelle che forniscono tecnologie e strumenti medicali.

Come nel caso della BB Biotech, le partecipazioni vengono acquisite dopo un accurato studio delle imprese svolto con l’aiuto di professori di medicina ed esperti del settore. Il management della BB Medtech cerca di scegliere le società che sembrano avere un vantaggio tecnologico rispetto alle concorrenti e che dovrebbero essere in grado, in futuro, di lanciare sul mercato nuovi prodotti abbassando i costi per i propri clienti. Questa è una delle grandi sfide del settore: diminuire i prezzi degli apparecchi e dei servizi affinché un numero sempre maggiore di persone ne possa usufruire: non bisogna dimenticare, infatti, che i governi dei paesi occidentali cercano di risparmiare soprattutto sulla sanità e che il giro d’affari in paesi in via di sviluppo quali Cina ed India potrà sensibilmente aumentare solo quando le attrezzature mediche potranno essere comprate a dei prezzi molto più bassi.

La performance del titolo della BB Medtech, in confronto a quella di BB Biotech, negli ultimi anni è stata piuttosto modesta. Uno dei motivi principali per questa differenza consiste nel fatto che la biotecnologia è stata ed è una delle parole più in voga nella new economy, mentre medtech&healthcare è una parola quasi sconosciuta. Il settore viene di conseguenza molto trascurato dagli investitori.

Eppure la grande importanza del medtech&healthcare è fuori dubbio: a questo settore appartengono non quelle imprese che producono e vendono farmaci, bensì tutte quelle società che offrono prodotti e servizi fondamentali per la salute delle persone: dalle protesi dentarie ai bisturi, dai pacemakers agli apparecchi per le radiografie, solo per fare alcuni esempi. Il medtech&healthcare dovrebbe approfittare nei prossimi anni del fatto che la popolazione nei paesi più industrializzati diventerà sempre più anziana. E dato che gli anziani sono più soggetti alle malattie si avrà molto più bisogno non solo di medicine, ma anche e soprattutto di assistenza medica, quindi di luoghi di ricovero e di apparecchiature più sofisticate per gli ospedali e anche da utilizzare in casa.

Per quanto riguarda il potenziale di crescita si può dire che il medtech&healthcare si trova tra gli altri due altri grandi settori impegnati nel mercato della salute: l’industria farmaceutica ed il biotech: molto più dinamico del primo, ma meno esplosivo del secondo. Di conseguenza si può considerare un titolo legato al medtech&healthcare, in linea di massima, un investimento ne’ troppo speculativo ne’ troppo di natura difensiva.

Se si confrontano per esempio le due charts di BB Biotech e BB Medtech si nota subito questa differenza: BB Biotech ha avuto una performance positiva maggiore, a tratti esplosiva, mentre BB Medtech ha una volatilità molto minore ed un andamento più stabile.

Il management di BB Medtech ha cambiato lo scorso anno la strategia del suo portafoglio: meno investimenti in piccole imprese specializzate in servizi medici e in software per il settore, più capitale in grandi società che forniscono tecnologie ed attrezzature mediche. Le imprese che offrono servizi medici, infatti, hanno sofferto (e soffriranno) a causa dei tagli fatti da molti governi occidentali, mentre le imprese che producono software per il settore non hanno ancora degli alti margini di guadagno.

Grazie a questo cambiamento di strategia, dopo aver chiuso il 1999 in rosso di 140,5 milioni di franchi svizzeri, nel 2000 BB Medtech ha raggiunto un utile di 115,2 milioni di franchi svizzeri. Il titolo ha fatto registrare un aumento del 32,4% (mentre quello di BB Biotech nel 2000 è salito del 54%).

Nei primi tre mesi di quest’anno anche BB Medtech ha subito però la bufera sulle piazze finanziarie così che il titolo ha perso circa il 22% del suo valore. Nonostante ciò BB Medtech ha fatto di gran lunga meglio di BB Biotech e degli indici Nemax-All-Share e Nemax 50.

Per quanto riguarda i titoli contenuti nel portafoglio, il titolo di Nobel Biocare, la partecipazione principale di BB Medtech, è salito del 22% così che la sua parte nel portafoglio di BB Medtech è salita dal 34% al 45%. Nobel Biocare è una società svedese, leader mondiale per quanto riguarda l’implantologia orale.

Sono andati male invece gli altri tre titoli di maggior peso: Synthes-Stratec, Medtronic e Pozen. Nonostante il titolo di Synthes-Stratec abbia perso nei primi tre mesi del 2001 il 23%, la sua parte nel portafoglio di BB Medtech è salita dal 16% al 21%. BB Medtech ha infatti approfittato della baisse per aumentare la sua partecipazione nella società. Synthes-Stratec è nata dalla fusione dell’americana Synthes e la svizzera Stratec ed è oggi il leader mondiale nel trattamento delle fratture tramite osteosintesi.

Le quote di Pozen e Medtronic nel portafoglio di BB Medtech sono scese rispettivamente dal 21% all`11% e dall`11% al 10%. Pozen è specializzata nelle tecnologie per la somministrazione dei farmaci, impegnata nella cura dell’emicrania e quotata al Nasdaq dall’11 ottobre scorso; Medtronic è la regina del medtech, il più grande fornitore di attrezzature medicali del mondo e leader nel mercato dei pacemaker.

Come si nota facilmente da questa breve lista delle partecipazioni, BB Medtech cerca di diversificare la propria strategia puntando sulle diverse parti del corpo umano che hanno più sovente bisogno di cure: denti, ossa e cuore. L`importante partecipazione in Nobel Biocare si spiega per esempio proprio perché il fabbisogno di protesi dentarie nei prossimi anni viene considerato enorme. Si stima infatti che nei paesi occidentali solo il 10% delle persone che hanno perso almeno un dente abbiano già fatto ricorso al dentista e all’odontotecnico.

Dato che BB Medtech è una specie di fondo specializzato nel medtech&healthcare, il suo titolo da’ la possibilità di investire senza avere molti rischi in un settore ancora molto trascurato, ma sicuramente interessante e dagli alti potenziali di crescita. Il titolo della BB Medtech è adatto però solo per un investimento a lungo termine.

Dal punto di vista tecnico il titolo si trova in un trend negativo, il fondo potrebbe essere raggiunto solo in prossimità dei €12,60/12,50. Verso l’alto un’importante resistenza si trova a €14,80.