Barclays boccia Renzi su produttività e debito

14 Marzo 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Barclays promuove le misure economiche annunciate dal presidente del Consiglio Matteo Renzi, “una batteria ambiziosa di riforme per rilanciare la domanda interna e favorire la creazione di posti di lavoro”, scrive Fabio Fois, economista della banca britannica. “Un allentamento della pressione fiscale e’ benvenuto” e’ scritto nel rapporto.

Gli aumenti in busta paga sui redditi piu’ bassi, “hanno un impatto positivo sulla crescita nel brevissimo periodo ma, a nostro avviso, un impatto positivo di lungo termine sulla posizione competitiva del paese sarebbe venuto se anche le imprese avessero beneficiato in misura maggiore” di una riduzione della pressione fiscale. Le riforme chiave, non ancora annunciate, secondo Barclays dovrebbero riguardare il rilancio “della crescita e della produttivita’”.

In Italia, caso piu’ unico che raro, la produttivta’ per unita’ di prodotto, non cresce da oltre un decennio, replicando un trend da paese sottosviluppato. Per Barclays serve “una riforma del settore dei servizi e un approccio piu’ deciso per ridurre il debito pubblico, inclusa l’implementazione di una piu’ equa ed efficace tassazione sulla casa e un piano dettagliato di vendita degli immobili posseduti dallo Stato”.