Barbareschi attacca Benigni: “Facile essere di sinistra, ma con il portafoglio a destra”

16 Giugno 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – Polemica a distanza tra Luca Barbareschi, direttore artistico del teatro romano Eliseo, e Roberto Benigni. Intervistato dal Messaggero in occasione della nuova stagione teatrale, Barbareschi non si lascia sfuggire l’occasione di attaccare l’attore toscano:

Gente come Benigni tiri fuori i soldi e investa nel teatro” ha detto rispondendo ad una domanda della giornalista in merito al tipo di sforzo economico necessario per rivitalizzare il teatro italiano.

Ancora:

“Chi ha i soldi li investa, anche i privati. Io ho investito 4,8 milioni rifare il teatro e 2 e mezzo in startup. Ho messo soldi miei. Benigni, che è molto ricco, metta soldi. Tutte le grandi star italiane che hanno ingenti mezzi mettano soldi propri”.

Ma l’affondo non finisce qui:

Sono tutti di sinistra, no? Essere di sinistra con il portafoglio a destra è facilissimo. Lo mettano a sinistra, il portafoglio, pensando di vivere in una comunità in cui ognuno contribuisce con i propri mezzi».

E poi torna ancora su Benigni: “È l’uomo più ricco d’Italia, mettesse soldi nella cultura. Adotti un teatro, lo restauri, faccia una bella stagione. Basterebbe che quattro o cinque artisti facessero questa cosa per avere altrettanti teatri di qualità a Roma. Ma ogni volta invece li vedo partire per le loro meravigliose venti case in campagna”.

Fonte: Il Messaggero