Bank of England: lascia tassi a 0,50%, ma non attenderà molto per alzarli

10 Settembre 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – La Bank of England ha ascoltato gli appelli della comunità finanziaria e Corporate, lasciando per ora i tassi di riferimento al minimo record dello 0,50%. La decisione è stata presa all’unanimità, con 9 voti favorevoli e 0 contrari a lasciare l’attuale programma di quantitative easing invariato.

“Il momentum della ripresa interna continua a essere sostenuto da una crescita robusta dei redditi reali, da condizioni favorevoli del credito e dalla fiducia elevata da parte delle aziende e dei consumatori”, è scritto nelle minute. Detto questo, “i rischi al ribasso sull’attività (economica) del mondo sono probabilmente aumentati”.

In generale, però, il tono della banca centrale non è proprio da colomba, dal momento che c’è ottimismo sull’ “espansione interna” e anche perchè viene considerato troppo prematuro affermare che l’economia del Regno Unito sia a rischio. Inoltre “ci sono continui rischi al rialzo sull’inflazione, rispetto al target”-