BANCO POPOLARE: UTILI GIU’ E NIENTE DIVIDENDI

25 Marzo 2009, di Redazione Wall Street Italia

(ANSA) – MILANO, 25 MAR – Il Banco Popolare chiude il 2008 con una perdita netta di 333 milioni. Escludendo rettifiche, l’esercizio chiude in positivo di 175 milioni Il risultato ‘normalizzato’, senza tutte le componenti straordinarie, sarebbe positivo per 433 milioni. Il gruppo non distribuira’ dividendi. La perdita a livello consolidato di 333,4 milioni e’ il risultato dopo rettifiche di valore e accantonamenti per rischi e oneri futuri per oltre 2.400 milioni rispetto agli 840 milioni dell’esercizio precedente.

Sopravvivere non e’ sufficiente: ci sono sempre grandi opportunita’ di guadagno. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

Il 2008 non e’ confrontabile con il 2007 (utile di 635 mln) a causa sia della data di efficacia (1 luglio 2007) dell’aggregazione fra il Banco Popolare di Verona e Novara e la Banca Popolare Italiana (Bpi), sia delle componenti non ricorrenti. Riguardo all’andamento del 2008 la raccolta diretta si e’ attestata a 93,1 miliardi (+1% rispetto al dato omogeneo 2007), quella indiretta e’ scesa del 22,4% a 75 miliardi; gli impieghi hanno retto (-0,5%) a 83,7 miliardi. Le esposizioni lorde deteriorate ammontano a 5.492 mln +36,9% del 2007. Il margine di interesse e’ di 2.243,7 mln (+12,8% esclusi costi di aggregazione), il margine finanziario e’ 2.230,1 milioni (+12,6% a netto componenti non ricorrenti), le commissioni nette a 1.061,5 milioni (-12,3%). Il risultato della gestione operativa e’ sceso dell’11,9% a 1.411 milioni. La capogruppo chiude con una perdita netta di 493,9 milioni. (ANSA).