Banche: potrebbero aver bisogno di altri $1500 miliardi

25 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Le banche di tutto il mondo potrebbero avere complessivamente un deficit di capitale di $1.5 trilioni ($1500 miliardi) entro la fine dell’anno prossimo e non e’ affatto escluso che in alcuni casi servano aiuti degli Stati per correre in loro aiuto. E’ quanto emerge da uno studio dell’agenzia di rating svizzera Indipentent Credit View, citato da Bloomberg.

Tra i 58 istituti esaminati, quelli che potrebbero registrare i piu’ grandi deficit sono Allied Irish Banks, Commerzbank, Bank of Ireland e Royal Bank of Scotland. “Senza la mano dello Stato o una ristrutturazione del debito queste banche saranno difficilmente in grado di raccogliere nuovi capitali”, ha spiegato a Bloomberg Christian Fischer, partner e analista dell’agenzia di rating svizzera.

L’analisi si basa sul confronto delle necessita’ di capitale da parte delle banche globali entro la fine del 2011 con i ratio patrimoniali datati fine 2009. Sono stati presi in considerazione anche le stime di utile per il prossimo biennio, le previsioni sui prestiti e quelle sulla crescita.

Allied Irish e Bank of Ireland potrebbero aver bisogno di raccogliere capitali pari, rispettivamente, al 681% e al 536% del loro attuale valore di mercato. Nel caso della tedesca Commerzbank la percentuale si porta al 611% mentre per RBS al 359%.