Banche Popolari, sviluppo solidale a favore di famiglie e imprese

25 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – “Lo sviluppo solidale quale strumento di prossimità che ispira la mission delle Banche Popolari, sin dalle origini, si è caratterizzato, in questi ultimi 2 anni, attraverso un’azione costante a favore delle imprese minori e delle famiglie, i segmenti che più hanno risentito degli effetti della crisi economica”, ha dichiarato Giuseppe De Lucia Lumeno, Segretario Generale di Assopopolari, a ridosso del Convegno che si aprirà domani a Verona dal titolo “Banche Popolari e sviluppo solidale”. I risultati a fine 2009 e le proiezioni a inizio 2010 mostrano, con chiarezza il sostegno che queste tipologie di clientela, generalmente più deboli ed esposte, hanno trovato e stanno trovando nelle Banche Popolari. “Nel dettaglio, prosegue Giuseppe De Lucia Lumeno, gli impieghi della Categoria, nel 2009 sono cresciuti del 5%; di questi, oltre il 70% è stato concesso alle PMI. La quota di mercato dei prestiti alle imprese minori è progressivamente salita passando negli ultimi due anni dal 23% al 26%. I nuovi impieghi erogati alle imprese più piccole nel corso del 2009 – 35 miliardi di euro – sono in linea con i valori degli anni precedenti, malgrado la difficile congiuntura, con un tasso applicato sempre competitivo rispetto al dato medio nazionale di 20 punti base, sceso a fine del 2009 al 2,8%.” “Per le famiglie, ha concluso il Segretario Generale, i dati indicano con evidenza un legame sempre più stretto e l’effetto fiducia riscosso negli ultimi due anni, che ha portato ad un incremento dei correntisti di 500 mila unità, superando così il numero di 10 milioni. Tendenza confermata anche dai conti correnti cresciuti nel 2009 del 17%. Le famiglie hanno beneficiato della prossimità delle Popolari, come testimonia la crescita degli impieghi al 6,4% e il minore tasso, 30 punti base in meno rispetto alla media”.