Banche, perché devono potenziare i servizi di pagamento per le pmi

18 Ottobre 2022, di Valentina Magri

I nuovi metodi di pagamento sono destinati ad aumentare entro il 2026, fino a rappresentare il 24% circa del totale delle transazioni non in contanti rispetto al 17% registrato nel 2021. Lo prevede il World Payments Report 2022, pubblicato nei giorni scorsi dal Capgemini Research Institute. Secondo lo studio, nonostante la ripresa post-pandemia, le pmi continuano a fare i conti con problemi di flusso di cassa e cicli di conversione, che ostacolano la prossima fase di crescita di molte di loro. Di conseguenza, ai fornitori di servizi di pagamento viene richiesto sempre più spesso di intervenire, riallineando le proprie priorità e mettendo a punto gli strumenti più adatti per aiutare le pmi a cogliere nuove opportunità di mercato.

Il World Payments Report 2022 si basa su due fonti primarie: la Global Small and Medium Business Survey 2022, che ha coinvolto 150 partecipanti, e le Global Banking and Payments Executive Surveys and Interviews 2022, che hanno raccolto le opinioni di 150 dirigenti senior delle principali banche internazionali. Queste indagini raccolgono dati provenienti da 17 mercati: Australia, Canada, Francia, Germania, Hong Kong, India, Italia, Giappone, Malesia, Paesi Bassi, Singapore, Spagna, Svezia, Svizzera, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito e Stati Uniti.

Le banche trascurano le pmi

Nonostante il segmento di mercato delle pmi valga oggi oltre 850 miliardi di dollari in tutto il mondo, queste aziende sono ancora troppo spesso trascurate dal settore bancario tradizionale rispetto ad aziende più grandi e al mercato retail.

Di conseguenza, le pmi si trovano a dover affrontare problemi di flusso di cassa, rischi di relativi alla cybersecurity, scarsa liquidità e inefficienze operative che alimentano il malcontento nei confronti degli attuali provider di servizi di pagamento: l’89% delle pmi intervistate ritiene infatti di non essere sufficientemente servita dalla propria banca di riferimento, tanto da valutare la possibilità di rivolgersi a un fornitore alternativo del comparto PayTech che risulti più adatto alle proprie esigenze. Questo passaggio consentirebbe alle pmi di allinearsi alla tendenza già in atto nei mercati dei beni di consumo: nel report si prevede infatti che le transazioni non-cash in ambito B2B aumenteranno a livello mondiale con un CAGR di circa il 10% nel periodo 2021-2026.

Per riconquistare la fiducia delle pmi, le banche dovranno aumentare il valore offerto, eliminando i sistemi legacy restrittivi che attualmente ne bloccano la crescita. Dallo studio emerge che oltre un quarto delle banche possiede un’infrastruttura monolitica e poco flessibile, con il 75% dei manager che preferisce mantenere in funzione i sistemi attuali piuttosto che innovare la value proposition: un evidente ostacolo agli investimenti in innovazione e flessibilità che le pmi desiderano.

Le società del settore dei pagamenti dovrebbero invece andare verso offerte modulari, in grado di soddisfare al meglio le esigenze delle pmi. Grazie a dati armonizzati e a una value proposition unificata sarà infatti possibile configurare al meglio le offerte, consentendo alle società del settore dei pagamenti di creare marketplace B2B per le pmi.

Le nuove opportunità di pagamento dalla DLT

Tra le numerose tecnologie innovative adottate dalle banche per rimanere competitive, la Distributed Ledger Technology (DLT, la tecnologia alla base della blockchain) sta emergendo come un elemento fondamentale per affermarsi nell’era del seamless value exchange. Anche se molte banche e provider di servizi di pagamento (PSP) sono d’accordo sul potenziale di trasformazione di questa tecnologia, la sua adozione è destinata a rimanere cautamente stabile, poiché le risorse limitate continuano a frenare le opportunità di investimento. Man mano che il mercato si evolve e i PSP iniziano a esplorare questa nuova tecnologia, il report descrive molteplici percorsi potenziali.

Il 64% delle pmi ritiene che la DLT possa emergere come una valida opzione integrativa alle reti di pagamento esistenti, in quanto le transazioni transfrontaliere B2B sulla blockchain continuano a diffondersi di pari passo con le criptovalute. Di conseguenza, la DLT può essere considerata come parte di una strategia a doppio binario per supportare al meglio queste reti di pagamento regionali e internazionali.

Allo stesso modo, la rapida ascesa di criptovalute non regolamentate ha portato molte banche a esplorare le opportunità offerte dalle valute digitali di stato (CBDC). Infine, la ricerca sottolinea che coloro che aspirano a diventare leader del settore stanno già portando su scala i casi d’uso della DLT, in modo da cavalcare la prossima ondata di opportunità di crescita.