BANCHE, NEL 2006 UN MILIARDO PER L’ICT

16 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 16 apr – In un anno le banche hanno investito circa un miliardo di euro in telecomunicazioni, pari al 17% della spesa complessiva in tecnologia (ICT, Information and Communication Tecnology). Il 36% di questi investimenti ha riguardato la telefonia fissa, il 44% la trasmissione dei dati ed il 6% la telefonia mobile. A rilevarlo è il quarto Rapporto “Governance delle telecomunicazioni e diffusione dei servizi a banda larga” realizzato dall’Osservatorio Banda Larga Banche di ABI Lab. Dalla fotografia delle recenti tendenze del settore bancario in fatto di telecomunicazioni emerge che l’85% delle banche ha già adottato la banda larga, cioè la connessione ad internet più rapida e sicura. Dal 2003 al 2005 la banda larga mediamente disponibile per ciascuna filiale è cresciuta del 59%. Sempre secondo lo studio la capacità di trasmissione dati delle filiali bancarie è cresciuta di pari passo con l’utilizzo delle moderne e veloci reti dette “xDsl”. Per gli oltre 8 milioni di conti correnti abilitati I servizi nei quali è cresciuto l’utilizzo della banda larga, oltre l’internet banking, sono il Mobile Banking, la videocomunicazione (che permette ai consulenti delle banche di assistere i clienti “vis-a-vis” parlando con loro direttamente dallo schermo del computer) e l’e-learning (cioè la formazione a distanza via computer dei propri dipendenti).