BANCHE: CSFB E GOLDMAN BOCCIANO IL COMPARTO

10 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Credit Suisse First Boston e Goldman Sachs hanno ridotto il giudizio sul comparto bancario italiano considerati il calo dei margini, l’aumento dei costi operativi e le commissioni più basse sulla raccolta. Per gli analisti i titoli sono ancora sopravalutati.

Con la bocciatura del sistema bancario italiano, l’istituto svizzero ha ridotto dell’8% le previsioni di utile per azione. Confermato, invece, il giudizio ‘Neutral’ sull’intero comparto.

Nonostante l’indice bancario abbia ceduto l’11% circa dal primo gennaio, gli analisti svizzeri ritengono, anche alla luce dei primi risultati del periodo, che le previsioni siano ancora troppo alte.

CSFB mette fuori dal gruppo Intesabci cui ha assegnato un rating di ‘Buy’ (acquistare) con un target sul prezzo a €5,4.

Preoccupata dello stato di salute degli istituti italiani anche Goldman Sachs, soprattutto per l’andamento degli utili da commissioni, tartassati dall’altalena dei mercati.

La banca d’investimento americana, che si attende risultati “deludenti” da Bipop Carire, prevede invece un trimestre buono soprattutto per IntesaBci e per Monte dei Paschi di Siena.