BANCA DELLA LEGA: PRIMA CONDANNA PER RICICLAGGIO

30 Maggio 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Per la prima volta una sentenza stabilisce che la banca leghista Credieuronord (voluta da Umberto Bossi, protetta dall’ex governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio e salvata dall’ex ad della Bpi Fiorani) ha riciclato denaro. L’ex direttore generale Giancarlo Conti è stato condannato a 3 anni (e l’ex funzionario Alfredo Molteni rinviato a giudizio) per riciclaggio nel 2001-2003 di 13 milioni di euro in assegni circolari versati dagli allora proprietari di «Radio 101» (Angelo e Caterino Borra) e provenienti dai maxiammanchi (35 milioni di euro) operati al Tribunale Fallimentare di Milano dalla curatrice Carmen Gocini (allora legata a uno dei Borra).

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Almeno 23 i fallimenti depredati con la falsificazione dei mandati di pagamento scoperta dai pm Perrotti, Taddei e Targetti: fatta dalla Gocini ma nei fallimenti di cui curatore era il suo dominus , Giancamillo Naggi. Gocini, già condannata a 8 anni con i Borra, ieri ne ha rimediati altri 6 per peculato e falso. Naggi, che rischiava 10 anni, è stato invece assolto dal gip Enrico Manzi, al quale i difensori Giuseppe Iannaccone e Giovanni Ponti hanno propugnato l’estraneità di Naggi ai maneggi commessi (e ammessi) ai suoi danni da Gocini. Per Naggi è la seconda assoluzione dopo quella nel 2003 sui bilanci della Banca Popolare di Milano.

Copyright © Corriere della Sera per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved