AZIONARIO USA: E’ IL MIGLIOR TRIMESTRE DEGLI ULTIMI DIECI ANNI

30 Giugno 2009, di Redazione Wall Street Italia

L’indice S&P500 si e’ reso protagonista del rally piu’ imponente dal 1998 nell’ultimo trimestre. Un altro fatto positivo e’ vedere l’indice di volatilita’ (VIX) scendere sotto il livello in cui si trovava prima del collasso della banca Lehman Brothers (in seguito al quale e’ balzato ad una cifra record di 80.86 punti). Il rally di ormai quattro mesi dell’azionario ha spinto l’indice in area 25.35 punti, in calo del 37% sull’anno.

La volatita’ e’ in calo e la gente inizia a nutrire sempre piu’ fiducia nel mercato. Anche se la fiducia non e’ ancora del tutto ritrovata, ultimamente l’S&P sta avanzando senza praticamente battere ciglio. Il paniere ha infatti fatto un balzo del 16% nel trimestre, il maggiore rialzo da quello registrato nel quarto trimestre del 1998.

Ad alimentare il poderoso recupero sono stati i segnali di una contrazione del rallentamento economico. Un esempio su tutti? In aprile il superdindice calcolato dalla societa’ di ricerche statunitense del Conference Board e’ cresciuto per la prima volta da giugno 2008 e il mese scorso e’ salito ancora. Mentre in maggio, stando ai dati diffusi da Bloomberg, gli analisti hanno alzato le stime sui profitti dell’esercizio in corso delle societa’ componenti l’S&P 500 per la prima volta quest’anno.

Ma il rally potra’ durare ancora ed estendersi nel prossimo trimestre? La maggior parte dei guadagni sono stati accumulati in primavera. Il mercato rischia di entrare in un ciclo vizioso. Le banche stanno facendo nuovamente un mucchio di soldi, ma la maggior parte del denaro e’ arrivato da aumenti di capitale disperati e da ingenti debiti verso il governo. Una volta che Wall Street avra’ recuperato completamente, chi andra’ in soccorso di Washington?