Azionario globale: l’orso è arrivato, ormai è ufficiale

23 Settembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Le perdite che hanno colpito l’azionario globale hanno portato l’indice di riferimento a perdere più di 10 trilioni di capitalizzazione dal mese di maggio. Non solo: l’MSCI All Country-World Index, il listino che rappresenta la performance delle piazze finanziarie di 45 paesi, è entrato ufficialmente nel mercato orso per la prima volta in più di due anni.

Da quando ha raggiunto il massimo lo scorso 2 maggio, l’indice ha lasciato infatti sul terreno più del 20%, affossato dai timori relativi ai debiti sovrani europei e al rischio sempre più concreto dell’arrivo di una recessione. Soltanto nella giornata di ieri, ha perso il 4,5%, attestandosi al valore più basso degli ultimi 13 mesi, a quota 277,38.

A entrare nel mercato orso è stato anche l’indice MSCI World Index (MXWO), che rappresenta la performance dei mercati dei paesi avanzati. Nel commentare la situazione globale, Mohamed El-Erian, amministratore delegato del fondo Pimco, il numero uno tra i fondi obbligazionari al mondo, ha chiaramente detto che il mondo è destinato a una crisi finanziaria.

Anche altri esperti hanno messo in evidenza le condizioni in cui versano le piazze finanziarie globali: “Il mercato sta scontando una recessione – ha detto Ng Soon Nam, responsabile degli investimenti di Nikko Asset Management, parlando da Singapore – I titoli sembrano convenienti, ma ci vuole molto coraggio per crederci. La situazione potrebbe infatti peggiorare e il rischio di un default della Grecia è la preoccupazione maggiore”.