AVVIO ALL’INSEGNA DELLA CAUTELA PER GLI INDICI USA

11 Marzo 2003, di Redazione Wall Street Italia

Avvio all’insegna della cautela per mercati americani, incoraggiati agli acquisti dopo che i listini ieri hanno raggiunto i minimi di cinque mesi , ma frenati da diversi spunti societari negativi come il ‘profit warning’ sul 1º trimestre lanciato dal colosso dei cellulari Nokia (NOK – Nyse) e la prospettiva di una debole spesa per l’information technology in Europa fino agli inizi del 2004 paventata dalla societa di ricerca Gartner Europe.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Il Dow Jones lunedi’ ha chiuso ai minimi dal 10 ottobre 2002 e il Nasdaq al livello piu’ basso dal 17 ottobre 2002.

“Non sarebbe una sorpresa se i mercati oggi rimbalzassero dopo la seduta negativa di ieri. I listini sono in condizioni di ipervenduto – ha dichiarato Robert Basel, capo del trading per Salomon Smith Barney – stiamo arrivando a supporti chiave”.

Secondo Barton Biggs, global strategist di Morgan Stanley, i mercati mondiali sarebbero inoltre prossimi a testare un importante “bottom”, per poi rimbalzare.

A favorire i guadagni potrebbe essere anche la momentanea distensione delle tensioni e delle spaccature internazionali dopo il tentativo di Washington di trovare un compromesso con l’Europa e l’Asia per strappare il si’ alla nuova risoluzione sull’Iraq. Dopo il veto di Francia e Russia annunciato ieri, il premier britannico Tony Blair si e’ infatti detto disposto a modificare la risoluzione e rinviare l’ultimatum del 17 marzo. E’ cosi’ slittata a giovedi’ la votazione sulla risoluzione.

Continua intanto a indebolirsi il dollaro
contro l’euro. La moneta europea è salita a nuovi massimi da quattro anni sul biglietto verde, a 1,1081. Il precedente massimo era a 1,1066.

Sul fronte macro, atteso alle 10:00 ora di New York il dato sulle scorte di magazzino all’ingrosso relativo al mese di gennaio.

Da segnalare

Northrop (NOC – Nyse): il colosso della difesa ha annunciato che l’unita’ Space & Mission Systems Corp. ha lanciato un’offerta per riacquistare bond per circa $2,85 miliardi.

IBM (IBM – Nyse): il colosso informatico sta preparando una forte risposta alla causa per $1 miliardo intentata nei suoi confronti da SCO Group venerdi’ scorso. La vertenza minaccia l’abilita’ di IBM di vendere miliardi di dollari dei sistemi IT basati sul Linux.

Per avere tutti i dettagli clicca su TITOLI CALDI , in INSIDER.