Auto, vendite 2010 attese a poco più di 1,9 milioni

2 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – A dicembre 2010 il mercato auto supererà quota 1.900.000 immatricolazioni (-11% rispetto al 2009). E’ questo, in sintesi, il risultato dell’analisi condotta dal Centro Studi Fleet&Mobility sull’andamento del settore automotive. Nei primi sei mesi dell’ anno sono già state immatricolate 1.164.000 vetture (+3% vs 2009), eppure gli operatori denunciano da mesi un ritmo di raccolta ordini molto basso. Stando all’analisi del Centro Studi, appare lecito stimare che il secondo semestre non supererà le 764mila targhe (nello stesso periodo del 2009 sono state 1.019.000). Questa stima sull’andamento della seconda parte dell’anno (-25%) è comunque inferiore, e non di poco, al tasso registrato nel secondo trimestre (-16%) di quest’anno, che pure si è basato sugli ordini raccolti senza gli incentivi. La somma dei due semestri 2010 porta a quota 1.928.000 veicoli immatricolati, -11% vs 2009 in termini di mercato complessivo. Passando all’analisi dei segmenti emerge un quadro interessante, in quanto le vendite a società e a noleggio hanno segnato nel primo semestre un +13% rispetto al 2009. “Queste vendite – fa notare Pier Luigi del Viscovo, Direttore del Centro Studi Fleet&Mobility – non sono state influenzate dagli incentivi, ma solo dalla crisi (2009) e dai primi segnali di ripresa (2010)”. Pertanto, prevedere che nel secondo semestre continuino a crescere a un tasso dell’8% è una stima prudente, destinata ad essere superata. “Anche perché – prosegue del Viscovo – in questo segmento finiscono anche le auto “km zero”, che nel 2009 si erano quasi dimezzate e che adesso stanno tornando a crescere”.