ATTACCO USA: CASA BIANCA E AIR FORCE ONE I TARGET

12 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

Secondo quanto riportato dalla rete televisiva americana CNN, due dei target dei terroristi a Washington erano la Casa Bianca e l’aereo presidenziale Air Force One.

Si ipotizza dunque che l’attacco al Pentagono fosse originariamente rivolto alla Casa Bianca.

In seguito agli atti di terrorismo perpetrati martedi’ contro i principali simboli degli Stati Uniti, il presidente George W. Bush e’ stato criticato da alcuni membri del Congresso per non essere ritornato piu’ celermente alla sua residenza di Washington.

Secondo quanto riferito dalla CNN pero’, la misura e’ stata presa proprio per timore che Bush fosse il bersaglio degli attentatori, facendo decidere ai servizi addetti alla sicurezza del presidente di ritardarne il rientro nella capitale.

Nel frattempoo la polizia ha posto in custodia diverse persone a Boston e nella Florida meridionale in relazione agli attacchi terroristici al World Trade Center di New York e al Pentagono.

Parole dure sono giunte quest’oggi dal Segretario di Stato americano, Colin Powell, il quale ha ribadito l’appello del presidente a considerare responsabili i terroristi che commettono crimini contro gli Stati Uniti e i governi che forniscono “nascondiglio e sostegno” a tali gruppi.

Powell ha infine cercato di rassicurare la nazione promettendo che i criminali verranno trovati e puniti.

“Siamo americani”, ha dichiarato Powell e “non andremo in giro nel terrore”.

Il Segretario di Stato ha sottolineato che i responsabili degli attacchi “pagheranno per questo”, e ha invocato una “coalizione mondiale” per battere il terrorismo definendo l’iniziativa una priorita’ dell’amministrazione Bush.