Astronomi scoprono nuovo tipo di stelle variabili

13 Giugno 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Si è sempre creduto che le stelle fossero in grado di cambiare la propria luminosità nel tempo, ma ora si è scoperto che questa cosa non vale per tutte. A riportalo e’ Business Insider.

Grazie ad un telescopio installato nell’emisfero Sud nell’osservatorio di La Silla in Cile, sono state trovate, a settemila anni luce dalla Terra, un nuovo genere di stelle variabili. Si tratta di 36 stelle a cui è stato dato il nome tecnico Ngc 3766.

Leggermente più grandi e calde del Sole, gli scienziati hanno notato che queste hanno una variazione nella loro luminosità pari allo 0,1% e che questa variazione avviene due volte ogni ora.

La scoperta risulta essere importante in quanto fino ad ora i modelli teorici a disposizione dimostravano come la variazione della luminosità non fosse periodica.

Ora grazie ai dati raccolti è possibile comprendere la sensibilità delle stelle, ma ancora bisogna capire bene quali siano le cause della luminosità.

Potrebbe infatti dipendere dallo stato dell’astro o anche dall’eccesso di velocità di rotazione delle stelle.