Arthur D. Little: la battaglia per la quota di mercato OTT si intensifica

24 Agosto 2012, di Redazione Wall Street Italia

Per i tradizionali operatori del settore TV, l’OTT rappresenta una minaccia al loro modello imprenditoriale. D’altra parte, per i gestori di telecomunicazioni, la tecnologia offre importanti opportunità. Il nuovo studio “Over-the-top Video – First to Scale Wins” redatto dall’azienda di consulenza Arthur D. Little, descrive in sintesi lo sviluppo attuale dei mercati e i comportamenti che le società dovrebbero assumere per conseguire risultati positivi nel tempo. Il mercato mondiale dei film è quantificabile in 468 miliardi di dollari USA e, ad oggi, la quota annuale acquisita dai protagonisti Over-The Top (OTT) si attesta a una cifra esigua, compresa tra 2 e 3 miliardi. Tuttavia, il settore dell’intrattenimento domestico on line sta evidenziando una crescita tra le più potenti dell’industria multimediale, mentre le vendite dei supporti multimediali classici, come DVD e CD, sono in declino da anni. Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Arthur D. LittleSue Glanville / Cate BonthuysSay CommunicationsTel.: +44 (0)20 8971 6400arthurdlittle@saycomms.co.uk