Apple: Steve Jobs difende Foxconn, che aumenta salari del 30%

2 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – La taiwanese Foxconn Technology Group ha annunciato un aumento degli stipendi dei propri dipendenti della fabbrica cinese del 30% con effetto immediato. La decisione della società giunge dopo i numerosi suicidi che si sono susseguiti nell’impianto cinese ed ha lo scopo di diminuire lo stress da straordinari dei dipendenti per prevenire altri gravi episodi simili. Sempre oggi Steve Jobs, numero uno della Apple per la quale Foxconn produce iPad, iPhone e altri materiali elettronici, ha affermato durante una conferenza che la Foxconn non è un’azienda che sfrutta la manodopera. La Apple è inoltre molto scrupolosa nel controllo delle condizioni dei lavoratori delle proprie aziende fornitrici.