Apple alle prese con l'”antennagate”: caduta la prima testa

9 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Se il “sexygate” giova a Hewlett Packard non si può dire la stessa cosa per quanto riguarda l'”antennagate” di Apple. La compagnia della Mela Morsa, in questi ultimi giorni alle prese con numerosi reclami (e forse qualche causa legale) causati da un difetto di ricezione dell’antenna dell’iPhone4, ha annunciato le dimissioni di Mark Papermaster, il manager responsabile della dotazione hardware del celebre telefono. Al suo posto arriverà Bob Mansfield, per il quale si annunciano tempi difficili: il nuvo dirigente dovrà risolvere tutti i problemi finora sorti. Il cambio al vertice nons embra tuttavia aver sortito effetti positivi in borsa per il titolo, che inizia la settimana sui livelli della vigilia.