Aniem favorevole a tracciabilità flussi finanziari

6 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il Presidente dell’Aniem, l’Associazione Nazionale delle pmi edili della Confapi, Dino Piacentini esprime apprezzamento per le recenti disposizioni sulla tracciabilità dei flussi finanziari, contenute nella legge n.136/2010, che andranno in vigore da domani. Lo si legge in una nota dell’Aniem. La norma prevede, infatti, la tracciabilità per contratti e finanziamenti pubblici, vietando espressamente l’uso del contante, a favore dei bonifici bancari o postali. Nemmeno le spese economati e quelle minute giornaliere sfuggono all’obbligo di tracciabilità: al massimo – fino al limite di 500 euro – potranno usarsi carte di credito invece dei bonifici, ma mai il contante. “Si tratta di misure che vanno nella direzione auspicata di lotta al lavoro sommerso, di qualificazione dei rapporti con i subcontraenti e di valorizzazione delle imprese sane.” E aggiunge: “La competizione deve svolgersi sulla qualità e sulla professionalità in un campo di regole uguali per tutti, le scorciatoie e le distorsioni del mercato hanno sempre danneggiato fortemente le pmi che investono in impegnativi processi di crescita, di innovazione e ricerca”. “Segnaliamo, tuttavia, l’esigenza di non restringere eccessivamente le procedure di pagamento, ritenendo ammissibili procedure analoghe al bonifico (ad esempio RID bancario, ampiamente utilizzato), che possono garantire comunque un controllo sui flussi finanziari. Su questo e su altri aspetti della normativa auspichiamo una circolare esplicativa che possa fornire esaustivi chiarimenti interpretativi”.