ANCHE SHAQUILLE PUNTA FORTE
SUL REAL ESTATE

21 Settembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Shaquille O’Neal, il gigantesco centro dei Miami Heat e simbolo del campionato di basket Nba, da oggi non vivrà di soli canestri e del milionario ingaggio garantito dalla franchigia della Florida. The Shaq, come viene soprannominato negli States, ha lanciato un trust che investirà nel settore immobiliare, per finanziare un maxi progetto a Miami che comprende un hotel e un complesso residenziale, The Met, capace di oltre mille appartamenti e in cui è prevista, naturalmente, una palestra aperta 24 ore su 24 denominata Fitness/Shaq. Un progetto che costerà almeno 1 miliardo di dollari solo per la parte residenziale.

Con INSIDER puoi guadagnare in un mese piu’ del tuo stipendio di un anno. Clicca sul
link INSIDER

Per O’Neal, in realtà, l’avventura immobiliare non è nuova: negli anni scorsi ha infatti speso almeno 50 milioni di dollari per acquistare singole abitazioni o palazzi. Il giocatore, a 32 anni, ha in tasca un contratto quinquennale da 100 milioni di dollari con Miami fino al 2010, ma considerando le passate stagioni con Orlando e Los Angeles, gli sponsor e le attività collaterali (per esempio ha inciso cinque album musicali e girato un paio di film) il suo patrimonio è mostruoso. E il real estate sembra l’investimento più gradito a molte star ed ex star dello sport: i tennisti (e coniugi) André Agassi e Steffi Graf, un altro campione leggendario del basket Usa come Magic Johnson e il pugile Oscar De La Hoya, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Barcellona del 1992.

Si potrebbe obiettare che il momento più propizio per investire in immobili è passato, visto che il mercato è in calo, ma dato il taglio dei progetti in questione, tutti di fascia alta se non di lusso, il ritorno dell’investimento dovrebbe essere assicurato. «Anzi, è molto meglio diversificare in questi progetti piuttosto che aprire bar o locali alla moda, con cui diversi sportivi hanno finito per perdere un mucchio di soldi», ha commentato David Carter, professore del prestigioso Sports Business Insititute dell’Università della California.

Copyright © Bloomberg – Finanza&Mercati per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved