Anasf apprezza relazione Consob e lavoro svolto dal Presidente Cardia

28 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – “La necessità di individuare regole globali che possano garantire standard di qualità elevati è un obiettivo che condividiamo pienamente”. Con queste parole Elio Conti Nibali, Presidente Anasf, ha commentato alcuni passaggi della relazione Consob, tenuta oggi a Milano, presso la Borsa Italiana. Sottolineando l’attenzione che l’Autorità ha voluto porre a concetti come la correttezza nei confronti della clientela secondo le norme Mifid e la volontà di proseguire nell’attività di monitoraggio sugli intermediari, nella relazione sono stati anche presentati i dati relativi alla categoria dei promotori finanziari. “E’ con soddisfazione che guardiamo ai risultati pubblicati sulla nostra categoria”, ha sottolineato Conti Nibali, “I promotori finanziari hanno dimostrato, ancora una volta, di fare dell’interesse del risparmiatore il centro della propria attività”. Nel 2009 infatti, è stato registrato un ulteriore calo del numero complessivo di provvedimenti a carico dei professionisti, con una contrazione, rispetto al 2008, del 20%. Sono stati adottati complessivamente 74 provvedimenti sanzionatori (93 nel 2008), di cui 43 radiazioni dall’albo, 25 sospensioni dall’Albo a tempo determinato (da minimo un mese a massimo quattro mesi), una sanzione pecuniaria e 5 richiami scritti – si legge nella relazione annuale. I provvedimenti sanzionatori e cautelari continuano a rappresentare una percentuale limitata dei promotori attivi, pari infatti allo 0.26%. “Un segnale, questo – ha aggiunto il Presidente Anasf – che testimonia di una categoria sana, che anche durante la recente crisi ha saputo rimanere vicina ai risparmiatori e che ha dimostrato di seguire la via della trasparenza, contribuendo a risollevare le sorti del risparmio gestito”. Un richiamo, nella relazione, è stato inoltre rivolto a tutti i soggetti del sistema economico, sia pubblici che privati, affinchè contribuiscano a diffondere la cultura finanziaria, anche attraverso la consulenza agli investitori, un servizio che gli intermediari hanno il compito di valorizzare, perché – si legge nel documento – strategico e di alto contenuto professionale. Conti Nibali ha colto l’occasione per ricordare l’importanza del lavoro svolto da Cardia, negli anni trascorsi alla guida Consob: “E’ stata apprezzabile la disponibilità all’ascolto degli attori del mercato dimostrata in questi anni dal Presidente. Anasf ha sempre colto le opportunità di confronto, partecipando alle consultazioni e presentando sue linee guida e il riscontro ricevuto è stato decisamente positivo. L’augurio è che ci attenda un futuro fondato sul confronto”.