Analisti scettici su manovre tedesche antispeculazione

19 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Apertura in netto rialzo, quasi un intero punto, per i futures sui Bund in seguito alla decisione della Germania di vietare levendite allo scoperto su alcuni assets, divieto che hainnescato un deciso ‘flight-to-quality’.

I mercati guarderanno ancora alle notizie relative alla Grecia, che oggi rimborserà interamente il bond decennale da EUR8,5 mld in scadenza. Ieri il paese ha ricevuto una primatranche di aiuti da EUR14,5 mld.

Sul mercato dei cambi, l’euro ha toccato il nuovo minimo da quattro anni a 1,2146 dollari sulle piazze asiatiche, con le vendite che hanno visto un’accelerazione dopo l’azione della Germania per vietare le vendite allo scoperto.

Il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ha comunicato ieri sera che il governo ha reintrodotto il divieto di vendite allo scoperto per contrastare la speculazione che aveva destato molte preoccupazioni negli ultimi mesi.

Secondo gli analisti, l’azione della Germania farà poco per sistemare la crisi del debito europeo e il divieto ha lasciato il mercato dei cambi come l’unico in cui gli investitori sono liberi di scommettere contro gli assets europei.

Sul fronte delle commodities, sulle piazze asiatiche il greggio si è mosso sopra i USD68,0 al barile dopo essere sceso ai minimi da sette mesi sul rialzo delle scorte e sui timori relativi all’economia.

Copyright © UNICREDIT per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da UniCredit Bank AG. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito il disclaimer ufficiale di WSI.