ANALISTI: NEGLI USA SI RISCRIVONO LE REGOLE

di Redazione Wall Street Italia
7 Febbraio 2002 22:48

Giro di vite per gli analisti americani. Il Nasd, l’associazione nazionale delle societa’ di brokeraggio, insieme al Nyse e alla Sec (la commissione di vigilanza Usa), ha proposto nuove regole per gli analisti finanziari. E la nuova normativa sara’ resa efficace attraverso una serie di sanzioni disciplinari.

Ecco le nuove regole:

  • Se un analista riceve un compenso commisurato al fatturato della banca di investimento, il fatto deve essere reso noto nei report. Un’azienda deve pubblicare all’interno dei report se essa o le sue filiali hanno ricevuto un compenso dalla societa’ oggetto del report nei 12 mesi precedenti alla pubblicazione della ricerca o se pensano di riceverne uno nei tre mesi successivi alla pubblicazione. Quando un analista consiglia un’azione in pubblico, deve rivelare se l’emittente e’ un cliente della societa’
  • .

  • Rapporti tra il Dipartimento di Investment banking e il Dipartimento di Ricerca. Nessun analista dovrebbe essere oggetto di supervisione o di controllo del dipartimento di investment banking. L’unico controllo dovrebbe essere relativo all’accuratezza dei report.
  • Misure per prevenire promesse di ricerche che vadano a favorire
    scorrettamente una societa’ piuttosto che un’altra. Secondo tale proposta, dovranno esserci dei periodi di pausa, ovvero, un’ azienda che funge da gestore di titoli offerti sul mercato non dovra’ stilare un un giudizio su un cliente prima di 40 giorni dal lancio dell’IPO e prima di 10 giorni da una seconda offerta. E’ vietato ad una banca d’affari offrire (o minacciare di ritirare) ricerche che andrebbero a condizionare il mercato.
  • Compravendita di titoli da parte degli stessi analisti. Nessun analista o membro di una banca d’affari dovra’ acquistare o ricevere l’emissione di titoli prima che venga lanciata una IPO, nel caso in cui si tratti di titoli di una societa’ dello stesso tipo di quelle su cui l’analista fa le sue analisi. In aggiunta, nessun analista o membro di una banca d’affari puo’ trattare titoli emessi da una societa’ di cui ha fatto una ricerca nei 30 trenta giorni precedenti all’emissione del report e non prima di cinque giorni dopo lo stesso report. Sia un analista (che una banca d’affari) dovra’ fare trading in linea con le raccomandazioni piu’ recenti che ha stilato.
  • Trasparenza della società/Proprieta’ di titoli da parte dell’analista. Un analista deve rivelare pubblicamente – e la societa’ di appartenenza deve scriverlo nei report – se l’analista ha un interesse finanziario nei titoli dall’azienda oggetto dello studio. Inoltre se una societa’, cinque giorni lavorativi prima della pubblicazione del report, ha una partecipazione uguale o superiore all’1% della societa’ analizzata, cio’ deve deve essere segnalato nel report.