Altro che Stati Uniti, qui in Italia S&P e Moody’s vengono anche diffidate

7 Settembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Adusbef e Federconsumatori hanno inviato oggi una ”formale diffida alle case madri ad emettere qualsiasi rapporto di valutazione sull’Italia. Le due associazioni avevano denunciato Moody’s e Standard & Poor’s alle Procure della Repubblica per i report ‘posticci’ – affermano in un comunicato – emessi sull’Italia a partire dal 6 maggio 2010 e che vede iscritti nel registro degli indagati del Tribunale di Trani, da parte del PM Michele Ruggiero, un analista ed il legale rappresentante della societa’ Moody’s, Ross Abercromby, oltre ai tre analisti di Standard & Poor’s Eilen Zhang, Frank Gill e Moritz Kraemer, ed i responsabili legali per l’Italia delle due agenzie.”

In aggiunta eventualmente anche persone da identificare per i reati di market abuse, la manipolazione del mercato finanziario, e di aggiotaggio, la divulgazione di notizie false o non completamente vere che turbano il mercato azionario. Le denunce di Adusbef e Federconsumatori, riguardano l’agenzia Moody’s con riferimento al report diffuso il 6 maggio del 2010 a mercati aperti ed i giudizi espressi sul sistema italiano in tre differenti circostanze dall’agenzia Standard & Poor’s.

Nell’ultimo di questi report, emesso il primo luglio scorso, l’agenzia di rating ha espresso giudizi negativi sulla manovra finanziaria “quando il mercato era ancora aperto prima ancora che esistesse un testo definitivo della manovra e prima ancora che questo venisse presentato al Consiglio dei ministri. Gli altri due report messi sotto la lente di ingrandimento della Procura di Trani sono quelli espressi dalla stessa agenzia il 20 e il 23 maggio scorsi con giudizi negativi sul debito pubblico italiano.

In quella circostanza “Standard&Poor’s ha cambiato l’outlook sul debito pubblico da positivo a negativo provocando l’immediata reazione del ministro dell’Economia che ha diffuso un comunicato dicendo che quella valutazione non era veritiera”.

“Poiche’ Moody’s e Standard & Poor’s non hanno alcuna licenza per emettere pagelle sull’Italia, perche’ non hanno superato l’esame di iscrizione richiesto dall’Esma, non avendo alcun titolo per poter operare in sede italiana ed europea – continua la nota delle due associazioni – sono state diffidate ad emettere alcun rapporto per l’Italia e societa’ italiane fino a quando non otterranno l’iscrizione. Adusbef e Federconsumatori rammentano che sono “nove le agenzie, che hanno gia’ dimostrato di avere i requisiti necessari e hanno superato l’ intero percorso previsto dal regolamento europeo ed hanno piena legittimita’ ad emettere le pagelle, al contrario delle tre sorelle del rating, Fitch, Moody’s e Standard & Poor’s, che non avendo superato l’esame previsto, sono state bocciate il 24 agosto scorso dopo le inchieste penali della Repubblica di Trani”.

“Nonostante la diffida – hanno affermato Elio Lannutti e Rosatrio Trefiletti, autori degli esposti in qualita’ di presidenti di Adusbef e Federconsumatori, non potranno evitare un’azione giudiziaria, in sede civile e penale compresa una class action, per i danni eventualmente provocati ai risparmiatori, alle imprese, ai titoli del debito pubblico ed alle famiglie, dai loro report posticci ed inattendibili, come quelli emessi sull’affidabilita’ di Lehman Brothers alla vigilia del crack del 14 settembre 2008”.