Alta tensione dopo asta Spagna, in crescita anche i cds sull’Italia

1 Settembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Sale la tensione sul mercato dei titoli di stato, complice anche l’asta emessa dal Tesoro spagnolo che, a fronte di un calo dei rendimenti, ha assistito a un forte calo della domanda dei suoi titoli.

Di fatto, la Spagna ha emesso titoli di Stato a 5 anni per 3,6 miliardi di euro, con un rendimento del 4,489% e un rapporto bid/cover a 1,76, contro il 2,85% dell’asta precedente. Lo spread tra i Bonos e i Bund tedeschi è salito così 292 punti base.

La tensione porta gli investitori a fare incetta di contratti per assicurarsi contro i rischi dei paesi europei. Incide anche la notizia secondo cui, stando a quanto riporta Reuters, le principali banche elleniche hanno registrato grosse svalutazioni sui titoli di stato

I Cds a 5 anni di Italia e Spagna crescono così entrambi di 10 pb rispettivamente a 370 pb e 368 pb, secondo dati Markit. Ciò significa che costa rispettivamente 370.000 euro e 368.000 euro per assicurare 10 milioni di euro di debito italiano o spagnolo dal rischio di default.

Il Cds della Grecia avanza di 92 pb a 2.300 pb. Accoglienza tiepida per l’asta di Bonos spagnoli di questa mattina.