ALITALIA, MONTAGNE RUSSE A PIAZZA AFFARI

7 Maggio 2004, di Redazione Wall Street Italia

Altalena Alitalia in Borsa. Il titolo della compagnia aerea continua a essere protagonista di una serie di oscillazioni. Dapprima le difficoltà per l’eccesso di rialzo, poi, dopo l’ammissione agli scambi, la sospensione per eccesso di ribasso. Infine la riammissione a Piazza Affari con una salita del 16,85% a 0,24 euro.

Alle 9.10, infatti, in attesa della formazione dei prezzi di avvio, le azioni della compagnia segnano una quotazione teorica di 0,226 euro, in fortissima crescita rispetto a 0,2054 euro del prezzo di riferimento di martedì, prima dei due giorni di sospensione dagli scambi. Ma la riammissione agli scambi dura pochissimo. Il titolo, infatti, non riesce a far prezzo per eccesso di rialzo e segna una quotazione teorica in crescita 25,12% a 0,257 euro. Bisogna aspettare la metà della mattina per vedere il titolo riaffacciarsi in Borsa. Il titolo sale del 21,71% a 0,25 euro. Ma, poco dopo crolla, e viene sospeso per eccesso di ribasso. Riaccede alle contrattazioni salendo del del 16,85% a 0,24 euro.

Ancora sospeso il bond convertibile della compagnia aerea, che come le azioni è stato riammesso agli scambi dopo due giorni di stop, ma non riesce a far prezzo per eccesso di rialzo. All’indomani del cambio al vertice di Alitalia con l’arrivo di Giancarlo Cimoli, le obbligazioni segnano un prezzo teorico di 73,22 in crescita del 12,6% rispetto al riferimento di martedì.

Copyright © La Repubblica. Riproduzione vietata. All rights reserved