Alcoa, il fatturato delude. Titolo perde -3,2%

9 Aprile 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il colosso dell’alluminio Alcoa è tornato in attivo nel primo trimestre del 2015, sulla scia della crescita del fatturato, che ha però deluso le attese degli analisti. Nelle contrattazioni afterhours, il titolo ha così ceduto -3,2% a $13,24.

Da segnalare che la pubblicazione del bilancio di Alcoa inaugura l’inizio della stagione degli utili, in questo caso del primo trimestre dell’anno.

Gli utili di Alcoa sono stati pari a $195 milioni, o 14 centesimi per azione, rispetto alla perdita di $178 milioni, o un passivo di 16 centesimi per azione, del primo trimestre dello scorso anno. Escludendo gli oneri relativi alle operazioni di acquisizione e ristrutturazione e altre poste straordinarie, l’utile per azione è salito a 28 centesimi dai 9 centesimi precedenti.

Il fatturato è salito +6,7% a $5,82 miliardi, meno dei $5,94 miliardi attesi dal consensus di Thomson Reuters, che aveva previsto per il colosso Usa un attivo per azione di 26 centesimi.

La divisione di prodotti laminati, che produce lastre di alluminio per l’industria automobilistica, ha assistit a un calo degli utili operativi -42%, causa le pressioni del mercato sul packaging e sui prezzi dei metalli, che hanno più che compensato le consegne record nel business automobilistico.

Il business primario della società, che include operazioni di alluminio e di fusione, ha registrato utili operativi per $187 milioni, rispetto alla perdita dello stesso periodo dell’anno precedente di $15 milioni, sulla scia del miglioramento dei prezzi dell’alluminio, che è stato di quasi il 10% su base annua.

Tra gli altri titoli che si sono messi in evidenza nelle contrattazioni dell’afterhours, Zynga -11% a $2,59, con ampi volumi, dopo che il produttore di giochi per social media ha reso noto che il fondatore Mark Pincus sarà di nuovo amministratore delegato della società. (Lna)