Aeroporto di Fiumicino, altro scandalo: 14.000 bagagli bloccati

7 Agosto 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – ?I servizi di assistenza, sia per quanto concerne i bagagli dei passeggeri sia per quelli in giacenza dai giorni scorsi sono ripresi pressochè regolarmente.

Per cercare di ridurre i disagi in aeroporto, dove, peraltro, in questi giorni si registrano una media di 140 mila transiti al giorno, la società di gestione Aeroporti di Roma, in stretto coordinamento con l’Ente nazionale dell’Aviazione Civile (Enac), ha messo in campo una task force composta da 200 addetti di Adr, che nella notte è riuscita a preparare 1.000 bagagli da caricare sui voli di Alitalia di oggi per riconsegnarli ai passeggeri. Ieri, peraltro, la Filt Cgil, in una nota, aveva comunicato di avere sospeso le due assemblee dei lavoratori programmate per oggi nello scalo romano.

Per smaltire i circa 14 mila bagagli di Alitalia che giacciono ancora nello scalo di Fiumicino è la stessa compagnia ad occuparsi del servizio di handling tra cui il carico e lo scarico delle valige e la gestione delle scalette per far scendere i passeggeri) la società di gestione Aeroporti di Roma, ha messo in campo già dallo scorsa notte 200 uomini per gestire l’emergenza. Parte di loro, nel giro di alcune ore, è già riuscita a preparare 1000 bagagli da caricare sui voli di Alitalia. Rispetto a ieri a Fiumicino, dove, a quanto si è appreso, permane lo stato di agitazione del personale handling Az, sono sicuramente di meno i bagagli accatastati sui carrelli ed accumulatisi via via da domenica scorsa: tuttavia rimangono, a vista d’occhio, ancora alcune migliaia di colli in giacenza in via di smaltimento.

Saranno introdotte in queste ore nuove e ulteriori misure di assistenza ai passeggeri dell’aeroporto di Palermo per fronteggiare l’emergenza del mancato arrivo dei bagagli da Roma. La decisione è stata presa nel corso di un vertice tra Gesap, la società di gestione dell’aeroporto Falcone Borsellino, l’Enac e Alitalia. La Compagnia di bandiera sta lavorando per rendere possibile la spedizione dei bagagli giacenti a Roma con metodi alternativi di trasporto, in modo da velocizzare l’arrivo delle valige a Palermo. Sulla procedura di consegna dei bagagli, la GH Palermo, la società incaricata di gestire lo smistamento e la consegna bagagli così come la gestione delle pratiche bagagli smarriti o in ritardo (Lost & Found), per evitare il formarsi di lunghe file di passeggeri in attesa di definire la pratica di ricerca bagaglio smarrito, sta predisponendo una modulistica facilitata che riduce di molto l’iter, e dunque il tempo di attesa. Così come sarà resa più snella anche la modulistica per l’accesso nell’area di ritiro del bagaglio. Alitalia, da parte sua, per i bagagli rinvenuti o successivamente arrivati e da consegnare, darà disposizione di aumentare il numero di consegne dirette a domicilio, evitando all’utenza di dover ritornare in aeroporto.

Per i passeggeri in attesa, Gesap e Alitalia hanno dato disposizione sin dal primo giorno in cui si sono verificati i disagi, di distribuire gratuitamente bottiglie d’acqua minerale. Fino a questa mattina, all’aeroporto di Palermo risultavano aperte circa 1.400 pratiche di bagagli (uno o più bagagli per pratica) in attesa di restituzione ai passeggeri arrivati a Palermo negli ultimi giorni. «Abbiamo messo in campo tutte le risorse a nostra disposizione per dare assistenza ai passeggeri – dice Fabio Giambrone, presidente della Gesap spa – Con queste nuove misure adottate anche da Enac e Alitalia creeremo un percorso facilitato per limitare i disagi e le attese di ore a causa del mancato arrivo dei bagagli. Quello che raccomandiamo ai passeggeri, una volta terminate le procedure, è di lasciare le aree aeroportuali e restare in attesa della consegna dei bagagli al proprio domicilio. Questo faciliterà anche il lavoro del nostro personale, impegnato ad elaborare migliaia di pratiche e a dare adeguata assistenza ai passeggeri». Gesap inoltre fornirà continue informazioni attraverso bollettini che farà circolare internamente e con l’account twitter ufficiale: AeroportoPa.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Il Messaggero – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © Il Messaggero. All rights reserved