AEREI: PIANO IN 3 FASI PER US AIRWAYS

16 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Cercando di tornare alla profittabilita’ dopo il fallimento della fusione con United Airlines (UAL – Nyse), US Airways (U – Nyse) ha annunciato che espandera’ la sua flotta di voli regionali, e tentando di realizzare una delle piu’ grandi alleanze aeree globali sperando in grandi concessioni dale unioni.

Il complesso piano in tre fasi presentato agli analisti e agli investitori a New York, inoltre include la posticipazione della consegna di 30 jet industriali (Airbus Industrie) per almeno due anni e il taglio di un numero di voli sulla Florida.

“Sono davvero entusiasta di questo nostro nuovo piano” ha detto Rakesh Gangwal, il direttore del Gruppo che ha inoltre dichiarato che la rpima fase del piano da sola aumentera’ i profitti di $439 milioni.

In seguito alla conferenza stampa, ABN AMRO ha alzato il rating a “Hold” da “Reduce” di US Airways (U – Nyse) sostenendo che l’azienda e’ abbastanza solida e ha il tempo sufficiente per attuare il proprio piano di aggiustamento.

Gli analisti nel complesso si sono dimostrati abbastanza favorevoli alla nuova strategia di Us Airways ma hanno notato che questo non va a risolvere il problema fondamentale che la societa’ non e’ una compagnia aerea con un grande network come Ual, ne’ ha l’efficienza e i costi bassi di Southwest Airlines .

“Quello di Us Airways e’ piu’ un piano tattico che un piano strategico – ha dichiarato Brian D. Harris, analista di Salomon Smith Barney, dicendo anche che – aggiungere jet regionali non e’ per nulla stretegico”.