Aeffe, amplia il rosso nel primo trimestre

13 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Consiglio di Amministrazione di Aeffe Spa, società del lusso, quotata al segmento STAR di Borsa Italiana, che opera sia nel settore del pret-à-porter sia nel settore delle calzature e pelletteria con marchi di elevata notorietà, tra cui Alberta Ferretti, Moschino, Pollini e JP Gaultier,ha approvato oggi i risultati consolidati relativi al primo trimestre 2010. Il Gruppo ha registrato nel primo trimestre 2010 una perdita netta dopo le imposte di 1,7 milioni di Euro, rispetto alla perdita netta di 0,3 milioni di Euro del primo trimestre 2009. Nel primo trimestre 2010, i ricavi consolidati del gruppo Aeffe sono stati pari a 61,3 milioni di Euro rispetto ai 72,3 milioni di Euro del primo trimestre 2009, con un decremento del 15,2% a tassi di cambio correnti e del 15,1% a tassi di cambio costanti. Nel primo trimestre 2010, l’Ebitda consolidato è stato pari a 1,5 milioni di Euro rispetto ai 3,8 milioni di Euro di Ebitda del primo trimestre 2009. L’Ebit consolidato è stato negativo per 1,925 milioni di Euro, rispetto a 1,308 milioni di Euro positivi del primo trimestre 2009. Tale variazione include anche l’effetto di 0,7 milioni di Euro derivante dal cambiamento di stima della vita utile dei key money da indefinita a finita. La situazione patrimoniale e finanziaria del Gruppo al 31 Marzo 2010 mostra un patrimonio netto di 141,3 milioni di Euro e un indebitamento di 95,5 milioni di Euro, in aumento rispetto a 87,7 milioni di Euro di fine 2009. Al 31 Marzo 2010, il capitale circolante netto operativo risulta pari a 63,1 milioni di Euro (30,6% dei ricavi) rispetto ai 54,2 milioni di Euro del 31 Dicembre 2009 (25% dei ricavi); l’incremento dell’incidenza del capitale circolante netto sui ricavi è riferibile principalmente alla stagionalità del business. Gli investimenti effettuati nel corso del periodo si riferiscono principalmente ad opere su beni di terzi per migliorie. Massimo Ferretti, Presidente Esecutivo di Aeffe Spa, ha così commentato: “Nonostante un andamento ancora difficile nel segmento wholesale, penalizzato da ordini ricevuti nel terzo trimestre del 2009 quando la situazione macroeconomica presentava elementi di forte incertezza, i primi tre mesi del 2010 hanno confermato quei segnali di ripresa che avevamo cominciato ad intravvedere alla fine dello scorso anno, in particolare nell’area retail il cui fatturato nel trimestre ha segnato una crescita dell’8% rispetto al primo trimestre 2009. In base ai risultati delle ultime settimane e del portafoglio ordini per l’Autunno/Inverno 2010, riteniamo che questi segnali di miglioramento dovrebbero proseguire nella seconda parte del 2010. Ciò nonostante, dato il perseverare di una elevata incertezza a livello macroeconomico, tutto il management di AEFFE continua ad essere fortemente focalizzato nel perseguire quelle azioni atte a migliorare l’efficienza del gruppo e a ridurne i costi operativi, i cui risultati, già in parte presenti nel trimestre, saranno più evidenti nelcorso dell’anno”.