ACQUA IN BORSA, SGORGANO PROFITTI

14 Aprile 2010, di Redazione Wall Street Italia

Il 70% del pianeta terra e’ fatto di acqua. Si potrebbe credere che trovare fonti potabili sia cosa piuttosto facile. Ma cosi’ non e’: il 98% dell’acqua presente sul nostro pianeta e’ salata. E ben l’1.6% del restante 2% si trova sotto forma di iceberg e ghiacciai. Se e’ vero dunque che si tratta una risorsa particolarmanete abbondante, una parte estremamente esigua e’ immediatamente disponibile per il consumo umano o per le irrigazioni dei campi.

Chi ne approfittera’ di questa situazione? Le societa’ impegnate nel mettere a disposizione delle persone questo bene naturale e nel trasporto di questa risorsa, specialmente verso quelle zone del mondo dove le fonti idriche scarseggiano. Insomma, l’acqua e la sua sicurezza sono un tema quanto mai cruciale.

Come si traduce tutto questo in borsa?

>>>>>QUESTO ARTICOLO E’ RISERVATO A MONEY MANAGER E GESTORI DI FONDI. PER LA LETTURA E’ RICHIESTO L’ABBONAMENTO A INSIDER. Ci si puo’ abbonare in pochi secondi. Per 1 mese, costa solo 0.86 euro al giorno.