Abusi sessuali: si dimette procuratore Usa che fece causa a Weinstein

8 Maggio 2018, di Mariangela Tessa

Colpo di scena nella nello scandalo sulle molestie sessuali che sta scuotendo gli Stati Uniti. Il procuratore generale di New York,  Eric Schneiderman, che fece causa ad Harvey Weinstein, si ritrova sotto accusa. Anche lui per abusi sessuali.

Quattro donne che hanno avuto relazioni con lui affermano di aver subito abusi.  Due ne hanno parlato con il New Yorker: si tratta di Michelle Manning Barish e Tanya Selvaratnam. Affermano che Schneiderman le ha picchiate ripetutamente, spesso dopo aver bevuto, e senza il loro consenso.

Schneiderman si è quindi dimesso, pur respingendo le accuse contenute nell’articolo. In un breve comunicato ha detto di non avere mai “violentato qualcuno”:

“Nel privato delle mie relazioni intime, ho partecipato a giochi di ruolo e altre attività sessuali consensuali. […] Anche se queste accuse non sono legate alla mia vita professionale o a come è stato gestito il mio ufficio, mi impediranno nei fatti di proseguire il mio lavoro in un momento così importante”.

Le dimissioni sono arrivate dopo che alcuni dei suoi alleati politici, a partire dal governatore di New York, Andrew Cuomo, hanno fatto pressioni chiedendogli un passo indietro.