ABU DHABI COMPRA DAIMLER (MERCEDES-BENZ)

23 Marzo 2009, di Redazione Wall Street Italia

Il fondo di investimento di Abu Dhabi, Aabar Investments, diventa il primo azionista di Daimler. La casa automobilistica tedesca, madre della Mercedes-Benz, ha infatti annunciato oggi con un comunicato che il più ricco fondo degli Emirati Arabi Uniti acquisterà 96,4 milioni di nuove azioni Daimler a un prezzo di 20,27 euro ad azione (contro la chiusura venerdì a Francoforte di 21,34 euro ad azione), pari al 9,1 per cento del capitale. Aabar sarà primo azionista, scavalcando il 6,9 per cento detenuto da un fondo del Kuwait.

Mercati durissimi. Eppure qualcuno guadagna sempre. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

L’operazione di ingresso del fondo di Abu Dhabi, che avverrà con un aumento di capitale riservato, comporterà un investimento totale di 1,95 miliardi di euro e rafforzerà il capitale del gruppo automobilistico consentendo una maggiore flessibilità per gli investimenti nelle nuove tecnologie nel settore di automotive. L’accordo prevede anche piattaforme per le iniziative strategiche comuni. “Il marchio Daimler è un’icona ed è una compagnia finanziariamente forte con una eccellente reputazione in tutto il mondo”, ha detto il presidente di Aabar Khadem al Qubaisi. “Siamo contenti di avere l’opportunità di fare questo investimento”, che ha un alto “potenziale commerciale”.

Aabar è un fondo di investimenti con sede ad Abu Dhabi ed è quotato alla borsa di Abu Dhabi. Investe direttamente in diversi settori tra cui energia, infrastrutture, immobiliare, automotive e servizi finanziari. Il suo maggior azionista è l’International Petroleum Investment Company (Ipic), che fa capo interamente al governo degli Emirati Arabi Uniti.

Dieter Zetsche, il presidente di Daimler e capo di Mercedes-Benz, ha salutato l’ingresso di Aabar come maggiore azionista perchè “supporterà la nostra strategia di gruppo”. “Noi speriamo di lavorare insieme per perseguire obiettivi strategici condivisi”. L’ingresso di Aabar arriva in un momento cruciale per la Daimler e per l’intero comparto automobilistico. La casa tedesca ha chiuso il quarto trimestre del 2008 con perdite di 1,5 miliardi di euro per la prima volta in due anni, e ha preannunciato che le vendite di Mercedes-Benz potrebbero chiudere in calo nel 2009.