Abi, dimissioni in blocco contro liberalizzazioni

1 Marzo 2012, di Redazione Wall Street Italia

Roma – La norma sulle commissioni bancarie e’ la “goccia che ha fatto traboccare il vaso”. Lo afferma il presidente dell’Abi, Giuseppe Mussari, spiegando che se la norma sara’ confermata, allontanera’ gli impieghi delle banche straniere in Italia e costringera’ a rivedere il sistema del credito a imprese e famiglie.

Le dimissioni in blocco della presidenza dell’Abi sono motivate dall’ennesimo attacco contro le banche e dal decreto liberalizzazioni.

Giuseppe Mussari in una conferenza stampa, ha spiegato che la norma che annulla le commissioni bancarie “è una sanzione per le banche. Avevamo bisogno di dare un segnale chiaro e dovevamo farlo con l’unico gesto che potevamo fare, mettere a disposizione il nostro mandato”.

Intanto oggi lo spread tra i rendimenti dei Btp a 10 anni e dei contratti omologhi tedeschi (Bund decennali) e’ sceso sotto i 310 punti base a 309,5 punti, toccando i minimi degli ultimi sei mesi. Il rendimento del 10 anni italiano e’ in calo al 4,96%.