A Wall Street tornano gli acquisti

4 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

La seduta a Wall Street si chiude in territorio positivo, complici dati macro incoraggianti mentre gli operatori guardato con sempre maggior attenzione al dato di venerdi’ sul mercato del lavoro Usa.

Il Dow ha terminato la giornata in rialzo dello 0.42% a 10680.58 (+44.20 punti), il Nasdaq ha recuperato lo 0.88% a 2303.57 (+20.05 punti), l’S&P 500 e’ salito dello 0.61% a 1127.25 (+6.79 punti).

A livello settoriale in testa l’health care (+0.99%) e i titoli delle risorse di base (+0.93%) e gli energetici (+0.81%). Bene anche gli industriali e tecnologici (+0.8%. Su anche le banche (+0.34%).

Sul fronte macro, gli ultimi dati hanno schiarito leggermente il cupo quadro occupazionale. L’outlook di giugno e’ migliore del previsto per il settore privato: secondo il report dell’ADP le imprese statunitensi hanno infatti creato 42.000 posti di lavoro nel mese, mentre Challenger ha annunciato che i tagli al personale previsti sono si’ aumentati del 6%, ma sotto i tassi visti nel 2009. Il tutto due giorni prima del rapporto governativo mensile sull’occupazione.

Se vuoi guadagnare anche in fase di ribasso con i titoli e i comparti giusti, segui INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

Buone notizie anche dal comparto servizi, con l’ISM non manifatturiero salito oltre le stime.

In ambito di risultati societari, si segnalano i conti di Time Warner, che hanno battuto le attese nell’ultimo trimestre. Merito della solidita’ del business dei film e delle attivita’ promozionali. Deludono invece i conti fiscali dell’azienda di beni al consumo Procter & Gamble.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico i futures sul petrolio con consegna settembre hanno bruciato i giadagni intraday calando dello 0.12% a $82.45. Il derivato con scadenza agosto dell’oro e’ avanzato di $8.10 a $1195.60. Sul valutario l’euro ha ceduto lo 0.52% a quota $1.3161. Quanto ai Treasury, i prezzi sono in calo, con il rendimento sul benchmark decennale che e’ salito al 2.9520% dal 2.9630 di ieri.