A DUBAI LA CORSA IPPICA PIU’ RICCA DEL MONDO

30 Marzo 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 30 mar – Bastano dieci minuti d’automobile dal centro della capitale del Dubai per raggiungere l’ippodromo di Nad Al Sheba: questo impianto costruito nel 1986 ospiterà domani la dodicesima edizione della Dubai World Cup, la corsa ippica più ricca del mondo, che mette in palio un montepremi da sei milioni di dollari, di cui ben 3,6 al primo classificato e 1,2 al secondo. Sia l’evento sia l’ippodromo di Nad Al Sheba sono una “creazione” della famiglia Al Maktoum, proprietaria anche della scuderia Godolphin, oggi considerata la più grande del mondo. Un impero costruito in poco più di dieci anni, partendo praticamente dal nulla, anche solo per il fatto di aver realizzato un ippodromo con pista in erba in piena zona desertica. Godolphin è guidata dallo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, emiro del Dubai, grande appassionato di cavalli e proprietario di alcuni tra i grandi campioni dell’ippica mondiale. I cavalli sono una grande tradizione di famiglia, e in questo contesto va inserita la nascita e lo sviluppo di una giornata di corse che, grazie agli oltre 21 milioni di dollari di montepremi complessivi, è in assoluto il più ricco convegno ippico al mondo. Nell’edizione 2007 saranno più di 80 i cavalli partenti: l’Italia sarà rappresentata dal fantino Frankie Dettori, che parteciperà proprio con i colori dalla Godolphin, in sella a uno dei favoriti (Discreet Cat) e ad altre quattro corse in programma: la Dubai Duty Free (5 milioni di dollari di montepremii) con Best Name e la Dubai Sheema Classic (altri 5 milioni di dollari) con Best Alibi, l’Uae Derby con Eu Tamben e il Godolphin Mile con Killybegs. Sulle corse di domani si sta registrando un grande volume di scommesse anche in Italia, dove la Dubai World Cup sarà trasmessa in diretta nei Punti Snai e sul canale 220 di Sky, a partire dalle ore 15.30 (ora italiana).